Gasparri: «Più che opportuno il sequestro della nave di Open Arms»

«Alla luce di quanto sta emergendo, il sequestro della nave della Ong Open Arms è stato un atto più che opportuno. Questa organizzazione ha violato il regolamento sulle Ong, approvato su iniziativa di FI in Parlamento, ignorandone i divieti e sfidando apertamente la Guardia costiera libica oltre che le autorità italiane”. Lo afferma Maurizio Gasparri.

«Il fatto poi che Open Arms non si sia fermata a Malta, ma abbia puntato espressamente sull’Italia, ci dà nuovo motivo  aggiunge- per temere una ripresa di traffici illeciti di clandestini verso il nostro Paese. Anche se l’Italia attraversa un momento di transizione, ciò non può implicare un allentamento della vigilanza sulle nostre frontiere navali. Bene fa la Procura di Catania a voler vederci chiaro. Esiste un regolamento che va rispettato. Chi non lo fa va fermato con immediatezza, insieme a chiunque sia sospettato di collaborare alla ripresa del traffico di immigrati».