Gasparri: «Disonesti, massoni e anche antisemiti. Elettori, attenti al M5S»

giovedì 1 marzo 13:51 - DI Redazione

«Il governo Di Maio non esisterà mai perché i Cinquestelle non vinceranno mai le elezioni. Sarebbe comunque un governo di sconfitti, che ha scelto non a caso come testimonial Zeman, il più perdente degli allenatori in circolazione in Italia». A dirlo è stato Maurizio Gasparri, sottolineando che «tra disonesti, indagati, massoni e somari è clamorosa l’indicazione come ipotetico ministro di tale professor Fioramonti». «Un personaggio – ha sottolineato il senatore azzurro – che ha detto con chiarezza, in un’intervista del 2014, che nei confronti di Israele “il boicottaggio è cruciale per aiutare una pace sostenibile ed equa nel Medio Oriente”, dimostrandosi anti-israeliano e antisemita».

L’intervista che inchioda Fioramonti

La notizia sulle posizioni anti-israeliane di Fioramonti, docente universitario a Pretoria, indicato da Luigi Di Maio come ministro dello Sviluppo economico di un eventuale governo del M5S, è stata bollata come «fake news» dal M5s. Lo stesso Fioramonti è intervenuto dicendo che «non ho mai sostenuto il boicottaggio di Israele, è una strumentalizzazione senza precedenti». A conferma delle rivelazioni sulle sue posizioni anti-israeliane, però, c’è un’intervista comparsa al giornale sudafricano The Daily Vox, nella quale Fioramonti, dopo aver dato forfait a un dibattito perché tra gli ospiti c’era anche l’ambasciatore israeliano, dichiarava quanto ricordato da Gasparri, ovvero che «il boicottaggio a Israele è la chiave per aiutare la causa di una pace equa e sostenibile in Medio Oriente».

Gasparri: «Il M5S è un salto nel buio per l’Italia»

«Sappiano gli elettori – ha sottolineato il senatore azzurro – che votare Di Maio e 5Stelle vuol dire mettere in pericoli seri la politica economica e internazionale dell’Italia, votare i centri sociali che aggrediscono carabinieri e polizia, con i quali i grillini in tutta Italia hanno sempre flirtato, e sostenere immaginari ministri antisemiti». «L’Italia – ha avvertito Gasparri – farebbe un salto nel buio scegliendo la violenza e l’odio».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Fujsun2@gmail.com 2 marzo 2018

    GASPARRI farebbe meglio a trovarsi un lavoro dignitoso, contribuire alla crescita del paese pagando le tasse giuste del 10% sul Reddito Netto possibilmente autonomo e non da parassita pubblico.

  • Fujsun2@gmail.com 2 marzo 2018

    Nessuno dei giornalisti di regime si è preso la briga di intervistare gli operai embraco che perderanno il loro posto di lavoro a causa
    di chi ci ha infilato nell’euro, pagando;
    della concorrenza di paesi dell’est-europa affamati dal regime ex-comunista egualitarista che ha prodotto solo miseria, ladri, mignotte e zingari.

  • corro49@hotmail.it 2 marzo 2018

    AD ogni modo ai partiti normali non gliene va bene uno dei 5S, meno politica meno ipocrisia PIU’ ITALIA, io non li voter0′ ma siamo piu’ obiettivi

  • ggasparini@inwind.it 2 marzo 2018

    Gasparri difensore di Israele? Ne vediamo di belle durante la campagna elettorale.

  • andrea.somenzi@yahoo.com 2 marzo 2018

    caro Gasparri, l’antisemitismo è un fantasma delle sinistre neoliberali/riformatrici (che hanno prestato il loro braccio armato per provocare la crisi economica), l’antisemitismo è un’arma ridicola per contrastare la nobile e necessaria reazione al “pensiero unico” che ha mandato in rovina i PIIGS
    Pretendere una Nazione sovrana, uno stato Sociale vero, NON è apologia del Fascismo come NON lo è l’avversità ad uno stato come israele. E NON È NEGAZIONISMO !!! Caro Gasparri studia un pò Indro Montanelli !!!

  • Carlodalo@gmail.com 2 marzo 2018

    Gasparri rassegnati i 5 stelle avranno piu’ consensi che mai,poi piu’ ne parlate male di loro e piu’ hanno consensi.

    • annamariainnocenzi@yahoo.it 2 marzo 2018

      Spero proprio di no… Carlo!

      • marimanzo@gmx.net 2 marzo 2018

        Anna Maria, sono d’accordo…i 5 stelle? Per carita’ di Dio…questi sono solo “comici”
        in vacanza, altro che politici.