Frozen lesbica irrompe in campagna elettorale: “Vogliono un mondo al contrario”

venerdì 2 marzo 15:29 - DI Carlo Marini

Anche la Disney si inchina alla propaganda Lgbt. Elsa, la protagonista di Frozen, potrebbe vivere una storia d’amore con una donna nel sequel della fortunata pellicola d’animazione. A riportare l’indiscrezione è il New York Post, secondo il quale la regista Jennifer Lee non avrebbe escluso l’ipotesi di far innamorare la principessina di una ragazza.

Elsa di Frozen e i tratti Lgbt

Già quattro anni fa, all’uscita del primo film, molte persone avevano riscontrato nel personaggio alcuni tratti Lgbt, immaginando un possibile coming out di Elsa. Anche su Twitter diversi utenti avevano lanciato l’hashtag #GiveElsaAGirlfriend per chiedere alla Disney una fidanzata per Elsa.

La regista di Frozen non smentisce la notizia

In un’intervista all‘Huffington Post, la regista non ha né confermato né smentito l’ipotesi. «Mi piace tutto ciò che le persone dicono e pensano del nostro film – ha detto Lee – si sta creando un dialogo, ed Elsa è un personaggio meraviglioso che parla a tante persone». Il sequel di Frozen è atteso nelle sale il 27 novembre 2019.

E Frozen diventa tema in agenda politica

Della deriva Lgbt hanno parlato anche alcuni esponenti politici italiani. Giorgia Meloni ha postato la notizia su Fb, commentando: “Basta! Ci avete stufato. Giù le mani dai bambini”. Durante un comizio elettorale a Roma, ne ha parlato anche il segretario della Lega Matteo Salvini. «Ho una bimba di 5 anni e so tutto di Elsa e Anna (il cartone animato di Frozen ndr) e una responsabile Disney ha detto che stanno valutando se Elsa potrà diventare gay: ogni adulto fa quello che vuole, ma ci stanno preparando ad un mondo al contrario in cui ha più diritto l’immigrato rispetto all’italiano o in alcune scuole dicono che non c’è differenza tra maschio e femmina; alcuni insegnanti deliranti mettono i bambini a giocare con le bambole e le bambine a calcio. Non siamo tutti indistinti e indefiniti. Io sono preoccupato  – ha concluso Salvini – e voglio intervenire prima».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • an.marconcini@gmail.it 2 marzo 2018

    Adesso è il momento di dedicarci alle criticità e ai veri problemi del Paese ,poi in seguito ci sarà tutto il tempo per occuparci e discutere sull’ inclinazione di Elsa .Le persone attratte da individui del propri sesso si chiamano semplicemente omosessuali e per il loro rispetto e soprattutto per la dignità di ciascuno di noi non credo sia giusto apostrofarli con epiteti ormai vieti, triti e ritriti.Ho diversi amici psicologi e psichiatri che hanno avuto in cura tanti uomini e donne omosessuali e vi assicuro che i tormenti e i sensi di colpa di queste persone sono terribili e sempre presenti nella loro anima e soprattutto che tanti di loro sono tornati nell’alveo dell’eterosessualità.Da persone civili proseguiamo il cammino occupandoci di lavoro e giustizia ,di salute e scuola, di pensioni eque e sostegno alle famiglie,di aiuto alla disabilità e poi se ce ne sarà il tempo arriverà anche il turno per una bella tirata d’orecchie alla Disney .

    • marcelloparsi@alice.it 2 marzo 2018

      Massimo rispetto per le inclinazioni sessuali di ciascuno, che sono e devono essere un fatto privato. Ma nessun rispetto per i lobbysti LGBT, che vogliono condizionare la struttura giuridica e sociale, spalmandola sulle convinzioni contro natura di un’infima minoranza, convinzioni che non possono e non devono essere imposte per legge: l’aberrante abominio dell’utero in affitto ne è una lampante riprova. E purtroppo la propaganda dell’assurda teoria gender ne è un’altra.

      • valerie.solanas@libero.it 3 marzo 2018

        La marcia degli lgbt è inarrestabile; nemmeno un governo di destra può fermarla perché i legami intermassonici con questa setta religiosa avvolgono come una piovra tutti gli organismi internazionali, le strutture di potere, le comunità politiche. Diamoci da fare noi per dare una svegliata ai nostri figli, non indottrinandoli ma smascherando loro i mezzi e la retorica di chi li vuole indottrinare, e sperando che il loro orgoglio e la loro fame di autonomia li motivi contro questi batteri insulsi.

  • marcelloparsi@alice.it 2 marzo 2018

    I politicanti di sinistra (Bonino, Boldrini, Cirinnà, Grasso, Scalfarotto e compagnia cantando) non hanno alcun rispetto per i bambini e stanno preparando loro un mondo capovolto, in cui tutto sia indifferenziato, tutto sia lecito: una vuole più Europa di culattoni, un’altra l’utero in affitto per i frocetti, un’altra il femmaschio e la maschiemmina, altri in barba alla democrazia vogliono inquisire e magari bastonare chi non la pensa come loro, si tratti di presunti fascisti o di omofobi, parola senza senso creata da questi perfetti ignoranti… Bastaaa! Votiamo compatti il centrodestra.

  • fghajdk@csj.com 2 marzo 2018

    Non c’è nulla di peggio (nella classifica della feccia umana) di chi cerca di manipolare i bambini.