Dossier della Corte dei Conti: ogni migrante costa fino a 167 euro al giorno

giovedì 22 marzo 17:04 - di Penelope Corrado

Ogni migrante costa 35 euro al giorno? Non è affatto così. Da alcune regioni italiane arrivano cifre impressionanti. E in alcuni casi la somma è più che quadruplicata. Il dossier che la sinistra buonista e radical chic non avrebbe mai voluto venisse reso pubblico è stato messo in Rete dalla Corte dei Conti il 21 marzo. Forse non è un caso che questo studio, che smonta le minimizzazioni e indica nella spesa per l’accoglienza un segno rosso per i conti pubblici italiani, si arrivato quando Boldrini e Grasso sono ormai fuori dai giochi istituzionali.

Il dossier della Corte dei Conti che sbugiarda la Boldrini

bambino-valigia

Il bimbo siriano in valigia? Non viene qui da noi

Ai nuovi presidenti di Camera e Senato verrà sottoposto anche questo dossier, che non può lasciare indifferenti. «Oggetto dell’indagine della Corte dei Conti è la gestione, negli anni 2013-2016, del Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo e degli interventi connessi, ivi compresi quelli attuati in adesione a programmi e progetti dell’Ue in regime di cofinanziamento; il tutto nell’ambito della c.d. “prima accoglienza». Nel corso del 2016 sono sbarcate sulle coste dell’Italia meridionale oltre 181mila persone. Di queste, appena 500 provenivano dalla Siria. Esattamente lo 0,25 per cento. Quindi i profughi siriani, bimbi nella valigia, donne e uomini disperati che vedete nelle foto toccanti e nei reportage video, non sono quelli che vengono ospitati in Italia. I paesi di provenienza dichiarata al momento dello sbarco, sono: Nigeria, con 37.551 persone (21 per cento del totale); Eritrea, con 20.718 persone (11 per cento); Guinea, con 13.342 persone (7 per cento); Costa d’Avorio, con 12.396 persone (7 per cento); Gambia, con 11.929 persone (7 per cento); Senegal, con 10.327 persone (6 per cento); Mali. Migranti economici, altro che richiedenti asilo o profughi in fuga dalla guerra.

Il migrante tipo è giovane, sano e nigeriano

Altro aspetto che tocca il nodo economico. «Il costo giornaliero pro capite medio è oscillato, nel 2013, da un minimo di 4,97 euro per la Sicilia e 11,63 euro per la Puglia, fino ad un massimo di 56,16 euro per l’Emilia- Romagna, laddove solo per il centro di identificazione ed espulsione di Modena la spesa è stata di 167,81 euro pro capite».

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gio 23 marzo 2018

    Gli italiani alla fame e il PD che regala soldi nostri a questi parassiti. Poi si chiedono perché hanno perso le elezioni, ma è già un miracolo che la gente non li abbia presi a bastonate.
    Subito fuori dall’Italia gli immigrati, delinquenti e parassiti.

  • Pino1° 23 marzo 2018

    Ringraziamo sentitamente: Napolitano-Mattarella ,e tutto l’apparato catto-comunista dalla camusso in giu passando via via per l’anpi (occhio a non confondere con quello serio della associazione paracadutisti); l’ampi dei delinquenti, i fantomatici partigiani rossi dei centri sociali terroristi delle nuove brigate rosse ecc. Grazie Renzi, Boldrini, Grasso, Minniti, e gli accoliti del furto italiano sotto l’egida degli acquiscenti Napolitano, Mattarella e dei parlamentari di ogni ordine e grado dell’appena dimessa mandata repubblicana, nessuno escluso!

  • lucio 22 marzo 2018

    Il costo di 167€ al giorno per mantenere un migrante sarebbe il male minore, se non si dovesse aggiungere i danni che arrecano, spaccio,stupri,furti,rapine,omicidi, malattie,qualche pidiota potrebbe affermare che tali crimini sono commessi anche dagli italiani.

  • giorgio 22 marzo 2018

    e ci sono 4.800.000 italiani in povertà- le ns. scuole che cadono a pezzi- la sanità che manca di tutto- gli asili insufficienti- le strade che sono tutte una buca- i ns. pompieri che muoiono e prendono uno stipendio ridicolo. i ns insegnanti che sono i peggio trattati dell’Europa- i ns. pensionati che nella maggior parte non riesce a campare- i ns. giovani che devono andare all’estero per lavorare. il personale delle forze dell’ordine che hanno i pantaloni rattoppati- in compenso abbiamo il più alto numero di parlamentari con stipendi da nababbi- ecc.ecc.ecc.ecc.
    Questa è un’Italia allo sfascio più completo e che non ha mai ascoltato gli insegnamenti di Oriana Fallaci.

  • PAOLO Damicodatri 22 marzo 2018

    Ormai l’hanno capito tutti , persino i pdidioti , il voto lo dimostra come gli Italiani patrioti hanno mandato a casa il PD promigranti , L’Italia e’ diventato il BANCOMAT dei migranti e di chi li accoglie le COOP rosse