Di nuovo Ruby, le toghe tentano un altro assalto al Cav. Ma le accuse…

lunedì 26 marzo 15:25 - DI Redazione

Ci risiamo. Il gup di Milano, Maria Vicidomini, ha rinviato a giudizio Silvio Berlusconi per corruzione in atti giudiziari. Rinvio a giudizio anche per le showgirl Giovanna Rigato, Aris Espinosa, Elisa Toti e Miriam Loddo che frequentavano Arcore e che devono rispondere di corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza.  I legali di Berlusconi non ne sono affatto sorpresi. Al centro di questa tranche dell’inchiesta ‘Ruby ter’, che vede coinvolto il leader di Forza Italia ci sono versamenti fino a novembre 2016 per quasi 400 mila euro in cambio del silenzio di alcune ragazze.  Secondo l’accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e dal pm Luca Gaglio, Berlusconi avrebbe corrotto le quattro ‘olgettine’ per rendere testimonianze reticenti o ‘aggiustate’ nel processo Ruby, conclusosi con l’assoluzione definitiva dell’ex premier dalle accuse di concussione e prostituzione minorile. Il processo inizierà il prossimo 9 maggio davanti ai giudici della quarta sezione penale.

«Dimostreremo l’ inconsistenza delle accuse»

Sorpresa? Macché! C’era da aspettarselo. «E’ una decisione che non ci sorprende. Prendiamo atto del giudizio e crediamo che il processo sia la sede naturale per dimostrare, nel merito, l’inconsistenza delle accuse e l’estraneità di Berlusconi». Così Federico Cecconi, legale di Silvio Berlusconi, commenta la decisione del gup di Milano. I legali di Berlusconi avevano chiesto che dovesse  essere il gup di Monza a pronunciarsi, perché è lì che si sarebbe realizzato il presunto reato. Un’ipotesi di corruzione in atti giudiziari che invece, secondo il giudice, sarebbe avvenuta a Milano. L’inchiesta inizialmente ‘trasferita’ a Monza, Treviso e Pescara è poi per competenza territoriale tornata nel capoluogo lombardo.  Lo stralcio del cosiddetto processo ‘Ruby ter’ inizierà il 9 maggio prossimo a Milano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • minorizzo@tiscali.it 26 marzo 2018

    Ma perchè vi accanite tanto a difendere un indifendibile che ha rovinato la destra Quel losco figuro ha riempito le istituzioni di ladri e prostitute, ha nominato ministri che sono finiti in galera(e non ingiustamente)ha preso e continua a prendere per i fondelli un intero paese …….e voi? IO FASCISTA NON VI COMPRENDO.

    • info@francione.it 27 marzo 2018

      Guarda che è grazie a Berlusconi se esiste ancora una “destra” come vuoi chiamarla. Il partito diretto da Fini venne così rivalutato andando con alcuni suoi esponenti (vedi lo stesso Fini e La Russa) al governo. Non capisco questo astio verso una persona che è stata continuo oggetto di persecuzione giudiziaria valuta dalla sinistra. Ma se non fosse andato al governo, pensi veramente che avrebbe subito tutto questo accanimento? Io credo che nessuno se ne sarebbe occupato, anche Trump è andato con prostitute, ma non ha accanimenti giudiziari a questo fine nella pur puritana USA.

      • minorizzo@tiscali.it 27 marzo 2018

        IL punto non è l’accanimento, il nodo vero è se esiste l’appiglio alla controparte per accanirsi. La mia destra era una destra inattaccabile perchè era portatrice di valori che il puttaniere piduista non ha . Giorgio non avrebbe mai fatto il pagliaccio dietro la culona per poi frignare quando ti deridono. Giorgio ai tempi di mani pulite si vantò che la nostra diversità ed i nostri valori ci tenevano lontani da compari e comparucci e sfidò pubblicamente i magistrati a guardare nelle nostre cose tanto non avrebbero trovato niente.TI SEMBRA POCO? Per il sottoscritto vale l’antico detto latino per cui la moglie di Cesare deve essere al di sopra di ogni sospetto , se per te è diverso vuol dire che ti contenti di poco.