Débâcle dei paladini dell’antifascismo: Boldrini e Grasso umiliati nei collegi

Debacle per i principali esponenti di Liberi e uguali nei collegi uninominali. A scrutinio ultimato o quasi, Pietro Grasso si ferma al 5,81 a Palermo, Massimo D’Alema al 3,90 nel collegio di Nardò, entrambi in corsa per il Senato. Stop alla Camera per Laura Boldrini, al 4,60 a Milano centro, e per Pier Luigi Bersani, al 4% a Verona. Pessimo risultato. L’antifascismo della Boldrini – sbandierato fino all’ultimo istante – non ha pagato, tutt’altro. la campagna elettorale ad personam contro Salvini dell’ex presidente della Camera ha sortito l’effetto contrario. Così come tutte le sue esternazioni che sono state oggetto di critiche e sfottò sul web.

Liberi e Uguali, da queste urne esce con le ossa rotte. Risuona grottesca la promessa Massimo D’Alema che vaticinava: «Arriveremo in doppia cifra». L’unico risultato ottenuto da LeU è la quasi polverizzazione del Pd, ma le loro velleità come forza di sinistra sono andate in fumo comunque.