Dalla Toscana 20mila euro alla vedova del senegalese. Bene, ma Pamela?

Quella che le sinistre si sono affrettate a etichettare come “bufala”, in realtà è una notizia drammaticamente vera, ma con una differenza: non sarà il sindaco di Firenza Dario Nardella, del Pd, a regalare ventimila euro alle vedova del senegalese ucciso sul ponte Vespucci da un comunista, ma la rossa Regione Toscana. Mentre il comune di Firenze si occuperà a sue spese del rimpatrio della salma, quantificabile in qualche migliaio di euro. Sia chiaro che non c’è nulla di male o di sbagliato a rifondere in qualche modo le vittime della criminalità, e quindi anche la vedova del senegalese, però il governatore Rossi dovrebbe farlo per tutte le vittime della criminalità, e non solo per quelle politicamente comode. Nel passato, la regione Toscana ha sempre provveduto a queste esigenze, ma perché pungolata dal capogruppo di Fratelli d’Italia in regione Giovanni Donzelli, altrimenti se la sarebbe presa comoda. Nulla di sbagliato, ripetiamo, e la Regione Toscana su questo è all’avanguardia proprio grazie alla mozione della destra. Quello che ci piacerebbe sapere è se le altre regioni abbiano una normativa similare, se ad esempio la regione Marche abbia previsto un congruo indennizzo per i familiari di Pamela Mastropietro, la ventenne assassinata e fatta a pezzi da uno o più clandestini nigeriani. Tornando a Firenze, vorremmo poi sapere chipagherà i danni fatti dai senegalesi alla città, danni che erano stati annunciati già la mattina dal capo dei senegalesi, che aveva subito qualificato il delitto come razzista, quando così non è, e aveva minacciato una lotta senza quartiere contro gli italiani, il tutto senza chje le forze dell’ordine o il sindaco pendessero misure necessarie per prevenire le devastazioni che poi si sono verificate.  Ricordiamo solo per inciso che in Senegal la polizia non utilizza questi metodi buonisti, lasciando sfilare un corteo non autorizzato che poi crea danni alla proprietà privata e al bene pubblico. Nekl loro Paese sarebbero stati trattati piuttosto duramente. Anche la polizia del Senegal è razzista?