Cortei per il senegalese ucciso. Un manifestante: Salvini va processato

sabato 10 marzo 17:25 - di Redazione

Cortei contro il razzismo a Firenze, Napoli e Genova in ricordo di Idy Diene, ucciso lunedì scorso sul ponte Vespucci a Firenze. A sparare contro Idy Diene è stato il 65enne Roberto Pirrone, il quale ha dichiarato che voleva suicidarsi e invece ha colpito l’ambulante senegalese. Il movente razzista è stato escluso dagli inquirenti. Pirrone ha dato di matto per problemi economici. Esclusi inoltre suoi legami col neofascismo: Pirrone amava anzi collezionare cimeli dell’ex Unione sovietica e simboli dell’epoca staliniana, come emerge dal suo profilo Facebook. Eppure sugli striscioni dei cortei antirazzisti di oggi si fa riferimento al fascismo… Non solo, ma uno dei manifestanti, intervistato dall’Agenzia Vista, dichiara che la colpa di questo clima di odio contro i neri è di Matteo Salvini, che dovrebbe risponderne in tribunale.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurocollavini@libero.it 12 marzo 2018

    L’uccisione di una persona è sempre un fatto da condannare, ma ritengo che se non modifichiamo la ns. politica in favore dell’immigrazione clandestina e anzi non riportiamo centinaia di migliaia di clandestini nel loro paese di origine o altri limitrofi, la mattanza è solo all’inizio. Faccio inoltre un’altra amara considerazione: Ci lamentiamo della mancanza di porti di lavoro ma se facciamo un giro nelle imprese ditte e industrie italiane vedremo centinaia di migliaia di immigrati che ci lavorano. Per cui finiamola di lamentarci, importando immigrati è logico che la maggior parte sarà occupata limitando i posti ai nativi.

  • Jeekrobot@gmail.com 11 marzo 2018

    L’Italia agli italiani…

  • Jeekrobot@gmail.com 11 marzo 2018

    Tutti i negri devono essere mandati via a calci in c***, fuori tutti dall’Italia, negri, musulmani e zingari….. Sono solo dei parassiti…

  • amerigo.lori@alice.it 11 marzo 2018

    Se non lo avete ancora capito, i komunisti ci hanno riempiti di questa marmaglia di trogloditi, spacciatori prostitute per avere, con lo ius soli ,qualche votarello in più per la loro barca che fa acqua da tutte le parti…

  • giorgio.conti@unipr.it 11 marzo 2018

    via mare, via terra, via aria, l’importante e imperativo e’ riportarli a casa loro. Gli immigrati regolari che sono, anche da tempo, in Italia, rispettosi delle leggi, con un lavoro onesto e dignitoso,con la loro famiglia, con i loro figli ai quali hanno saputo dare una educazione e che hanno mandato a scuola, ai quali hanno anche saputo dare una professione, a tutti costoro non solo solidarieta’ ma umano”affetto”. Ben stiano con noi, sono i benvenuti, nel Bel Paese, il piu’ bel Paese del globo terracqueo.

  • antonino curatolo 11 marzo 2018

    Avete rotto i c****** pure voi, se il commento non vi piace andate a fare in c*** pure voi del secolo

    • red@dekoo.it 11 marzo 2018

      Ci scusi, che cosa l’ha infastidita da esprimersi così? Tra l’altro inserendo tre commenti completamente identici che ci hanno costretto ad eliminarne due.

  • antonino curatolo 11 marzo 2018

    Fermo restando che l’uccisione di un uomo é una sconfitta per la società, non posso non rilevare che non ho visto alcun corteo per lo strazio subito dalla povera pamela e per mano di delinquenti neri. Detto ció invito tutti gli irregolari in Italia, neri o bianchi che siano, di andarsene al loro paese e togliersi dalle p**** che sono, ormai, stracolme,

  • mgm48@libero.it 11 marzo 2018

    sono da processare i centri sociali e compagni che manipolano anche gli africani e li sobillano alla lotta contro i “loro” fantasmi dell’antifascismo. E’ ora di condannare il comunismo, già condannato dalla chiea catolica e definito da san Giovanni Paolo II “struttura di peccato”. Il comunismo africano è stato ed è terribile… non lasciamoci mangiare il cervello!!! Noi andiamo avanti con speranza, con rispetto dell’altro, ma col coraggio della verità che sa riscrivere la storia di quest’ultimo secolo intrisa di interpretazioni false. Condivido che i clandestini vanno rimandati a casa via mare, come sono venuti. Ripristinare la legalità non è razzismo.

    • Cav.dellorto@gmail.com 11 marzo 2018

      Cosa dobbiamo fagli a una massa di ladri portino via borse allo povere vecchie vanno in casa a rubare lo portino via le case e quelli che rovinano a botte la gente per portagli vi a la misera pensione spacciatori di droga questo è permesso chi si deve processare governo e sindacati e centri sociali viva l’Italia che dalla nazione che poteva essere 4 potenza del mondo oggi siamo la penultima a pari Grecia e Croazia

    • alongtime@libero.it 11 marzo 2018

      Ma il comunismo non era morto?
      Quei paesi si definiscono socialisti o comunisti? (e’ diverso!)
      Se Lei cerca comunismo sull’enciclopedia,le sembra che i principi della definizione siano applicati in quei paesi?
      E nei centri sociali?
      I clandestini vanno rimpatriati in arereo!
      Via mare rischierebbero nuovamente la morte.

  • giancarlomicoli@libero.it 11 marzo 2018

    andate fuori dai c****** ( senza offendere il Milan) rossi e neri del cavolo!!!

  • giorgio.conti@unipr.it 11 marzo 2018

    assurdo e paradossale; tutta questa melma di individui dedita allo spaccio di droga, furti, aggressioni, omicidi, riti satanici, untori di malattie gia’ dichiarate scomparse dal Bel Paese ed ora, purtroppo, ricomparse, clandestini che fuggono solo dalle loro patrie galere, clandestini che hanno invaso il Bel Paese grazie ad una politica becera e criminale di “accoglienza” che ha mascherato guadagni notevoli di pseudo centri di accoglienza gestiti soprattutto ma non solo dalle coop, tutta codesta melma deve essere rimpatriata, a casa loro velocemente e senza meno, se vi e’ qualcuno che deve essere processato non e’ certo Salvini. E la nostra Marina Militare che fa? silurare subito alla fonte.

    • marimanzo@gmx.net 11 marzo 2018

      cavolo Giorgio, datti una calmata…quanto odio nelle tue parole.Mi fai paura!
      Io ho votato Salvini ma non mi sembra che lui abbia mai parlato come te.
      Tu sei pericoloso.

  • gallo.sabino@libero.it 11 marzo 2018

    E questo lo decide lui? Forse non è ancora abbastanza “integrato” per capire che in Italia ci sono delle Istituzioni per decidere chi deve essere processato.

  • Giuseppe Tolu 11 marzo 2018

    Solo buoni a far sfornare figli e farli stare nei campi assieme a quelle povere disgraziate delle loro donne. E loro uomini?Tutto il giorno a oziare e grattarsi l’ombelico aspettando le mogli e i figli che portino loro qualche radice da sgranocchiare. Arrivano in Italia ed ecco il risultato. Forza PD, forza sinistrati. Continuate a prendervela con la destra se siamo in queste condizioni. Date loro zappe e sementi e insegnate loro, come del del resto facevano i nostri padri, a come ci si guadagna da vivere, nella loro terra però.

  • depalma.aurora@libero.it 11 marzo 2018

    smettetela di fomentare.

  • leonardo.vecchiatini@gmail.com 11 marzo 2018

    Gran bel raduno di ignoranti, perlappunto tra i partecipanti vedo saltellanti zecche rosse appena uscite dalle loro tane, definite normalmente Centri Sociali. Perchè sono ignoranti?…semplice, perchè accusano di razzismo, di fascismo, ma l’assassino è un Kompagno, proprio come loro, che probabilmente non ha retto ai vapori di Marijuana che solitamente si respira nei Centri Sociali, e ha dato di matto, uccidendo un povero sfigato che si è trovato per puro caso sul suo percorso. A questo punto, invito quel furbone, portavoce dei Senegalesi, che ha parlato davanti alle telecamere in modo arrogante, a desistere dall’inveire contro gli Italiani, definiti dallo stesso “razzisti”, le ricordo a quel signore, che se un Italiano si mette a fare bancarelle al suo paese, finisce appeso per i piedi (se è fortunato), se noi Italiani fossimo veramente razzisti, questo signore, e i suoi connazionali, il nostro paese, avrebbero la sola possibilità di vederlo in televisione. Gli Italiani non hanno alcuna colpa se un uomo armato uccide un suo simile, quindi, invito quell’arrogante ed ignorante Senegalese, prima di dare del razzista agli Italiani, a pulirsi la bocca con l’acido muriattico, oltremodo spero che abbia la possibilità di rilassarsi, sia lui, che i suoi fratelli africani e i loro amichetti dei centri sociali, evitando di surriscaldare gli animi del popolo Italico, che attualmente è dormiente, ma sicuramente capace di porre dovuta resistenza se trova i propri spazi occupati dall’invasore!…Non tirate troppo la corda, un uomo ha commesso un delitto, e qui esistono leggi e autorità che hanno il compito di farle rispettare, non abbiamo bisogno di atti di ribellione, ne tantomeno insignificanti cortei. Anche voi africani avete dei grandi delinquenti tra le vostre fila, per cui, tornate nelle vostre case evitando inutili sceneggiate!

  • Massimiliano Di Felice 11 marzo 2018

    Per la ragazza bianca squartata, spezzettata e forse mangiata non hanno manifestato. Per un nero ucciso, sembra, addirittura per errore, invece sì. Uno non è razzista solo quando odia le allre razze; è razzista anche chi odia la propria.

  • Caroly.caridad@gmail.com 11 marzo 2018

    L’emigrazione africana è un grosso problema e serio, visto i risultati negativi che stanno accadendo dalla sua invasione. Rivalità, virus e malattie che richiedono vaccinazione, stupro, razzismo provocato da loro stesso, violenza, rapina, aggressione, imposizioni della loro religione, riti satanici … ecc. L’Europa non ha mai frequentato questi problemi ..tutti PROBLEMA hanno arrivati con questa invasione africani . Chi fa giustificazioni é PERCHÉ avrà guadagno di sicuro.

  • Caroly.caridad@gmail.com 11 marzo 2018

    Il razzismo è la risposta dell’uomo , per la differenza di religione, cultura, educazione, abitudini, colore è razza, che propio per questa differenza va odiato o invidiato . Ci sono 5 continenti per evitare questo confronto. Se poi uno mescola per motivi di immigrazione, nessuno può evitare la guerra razziale delle differenze, è un PROBLEMA dell’inizio del mondo che accade e accadrà. Perché la differenza esiste e nessuno può negarlo. I cinesi sono i più razzisti sul pianeta terra e nessuno se ne accorge, perché non mescolano la loro razza e rimangono lontani . Non è razzista a cui non piacciono le altre razze, ma quella che non supporta la sua.

  • davidepierco@tiscali.it 11 marzo 2018

    Ben venga il fascismo se torna, cosi’ si fa un po’ di pulizia e tutti lavoreranno, per obbligo o per passione, ma basta di questi fannulloni in giro a protestare per ragioni di visibilita’ e pretesto, solo pretesto perche’ tacciano sullo spaccio di droga che fanno, stupri, violenze sui treni, la morte atroce di Pamela, quindi ben venga il fascismo.

    • marimanzo@gmx.net 11 marzo 2018

      Quello che hai scritto mi fa’ ricordare quello che diceva spesso mia madre…”quando c’era
      Mussolini queste cose non succedevano”….adesso io mi chiedo se veramente non succedevano
      o semplicemente non se ne parlava. (intendo la criminalita’)

  • Studiomoshetto@uahoo.it 11 marzo 2018

    Sono proprio quelli come questo senegalese e certi sinistrati che stanno creando un clima di rottura nella nostra societa’. Non l’ho votato ma esprimo solidarieta’ A salvino e sostegno alle sue idee che non sono certamente quelle di sparare per le strade a chi che sia.

  • alberto.caioli@email.it 11 marzo 2018

    Ma se questo soggetto se ne tornasse in Senegal? Forse sarebbe meglio rispedircelo al volo e in fretta: chi non si trova bene da noi, vada “fori de ball”!

  • fernandoconte001@gmail.com 11 marzo 2018

    Se c’è qualcosa da processare sono le vostre intenzioni criminali.

  • bucciarellibruno@alice.it 11 marzo 2018

    In una Nazione civile quel senegalese, unitamente ad altri connazionali, dovrebbe essere preso per le orecchie, prelevato di peso e, con una miriade di calci nel sedere, espulso dall’Italia!

  • angeloprof58@libero.it 11 marzo 2018

    C’è solo una soluzione : tutti i clandestini fuori a calci dall’Italia e chiusura immediata dei centri sociali !

  • giorgiorapanelli@virgilio.it 11 marzo 2018

    Sono stato del PCI, poi fondatore dei Verdi, poi ho votato M5S, infine ho votato Salvini, intendendo così che sono del Centrodestra, insieme ad altri Compagno dell’ex-PCI. Oggi sono quindi un Populista, ossia – secondo il Garzanti – un seguace di un socialismo generico, del genere di quello del movimento rivoluzionario russo della seconda metà del XIX secolo, anteriore al diffondersi del marxismo. Temendo qualche golpe, molti Compagni erano armati: fucili da caccia da trasformare in lupara, pistole e carabine (tutte armi regolarmente denunciate). Facevamo capo ad organizzazione partigiane combattenti: Io avevo contatto con i comandanti delle Bende Nicolò, che avevano combattuto militarmente sulle montagne maceratesi. Le bande presenti nel territorio di Corridonia, la mia cittadina, erano formate da persone che non volevano ritornare al fronte, e pure da noti ladroni, che mangiavano sulle spalle dei contadini. Il fatto straordinario fu che dei ferventi fascisti diventarono un attimo prima che arrivassero i Polacchi dei ferventi partigiani. Come dice giustamente la nostra cara Meloni, non facciamo inciuci. La fortuna del M5S e dell’Italia è che non hanno i numeri per formare un governo. Questi apprendisti stregoni fallirebbero, mandandoci in rovina. Ma il nostro elettorato è stato chiaro: niente inciuci. E forse anche Berlusconi lo ha capito.Amici, tenete gli occhi aperti: per non perdere il potere e per creare confusione, potrebbero utilizzare gli Africani, gente tribale – e salvo eccezioni – impulsiva, opportunista, sanguinaria, mandata a seminare violenza per piani elaborati all’estero. Non dimenticate il Piano Kalergi per la distruzione della nostra civiltà occidentale millenaria.

  • pacriel@alice.it 11 marzo 2018

    Ipocrita e ingiurioso il commento di costui. Ed ancora più ipocriti, gli italiani che hanno partecipato al corteo, dimenticando ciò che – volontariamente – è stato fatto a Pamela, la povera ragazza di Macerata. Noi, non ne possiamo più di falsi cortei, di stupidaggini e di gente “nostrana” che guadagna sulla pelle degli immigrati, ancor più se non aventi diritto d’asilo. In quanto a Salvini,, lui dà voce a milioni e milioni di italiani stanchi, arrabbiati e delusi. – Viva sempre, la NOSTRA ITALIA! –

  • Pesciolina_65@yahoo.it 11 marzo 2018

    Bhe ora Pirrone non avrà più problemi economici… con il putiferio che ha creato scegliendo a caso un nero per ucciderlo, tra un po lo vedremo in TV e gli offriranno un sacco di soldi. Sarebbe cosi anche se avesse ucciso un bianco?

  • mlinda578@outlook.com 11 marzo 2018

    Secondo me questa persona no dovrebbe accusare nessuno è stato una disgrazia… Tutti immigrati che la pensano che la colpa sia sempre di Matteo Salvini stanno sbagliando. Per cui semina rabbia. Gli immigrati devono soltanto ringraziare a gli italiani che gli hanno accolto in questo paese…

  • bighawk.caine0@gmail.com 11 marzo 2018

    Riprendiamoci l’Italia e chi non è d’accordo a mare con questa spazzatura umana. Il processo va fatto a tutti i sinistrorsi e al Papa. Quindi tutti al muro per alto tradimento.

  • maurizio_turoli@yahoo.it 11 marzo 2018

    iamo al razzismo alcontrario.
    Si ritorna al clima di regime, tanto amato dalla Boltrini e dai tanti ….. ini

  • ernesto.grossi@libero.it 11 marzo 2018

    Basta con questi tipi rosso-neri per strada. E non mi riferisco al calcio.

  • Giuseppe Forconi 11 marzo 2018

    Nel porto di Napoli/Genova/Trieste/Civitavecchia/Taranto/Bari/Ancona e tutti gli altri porti con scalo merci. Li noleggiate 6/7/8 navi porta containers , rifornitele con ottimi cibarie, bevande e posti per dormire, caricate tutti i 2.000.000 di invasori che depredano la Nazione e portateli a casa loro, senza fargli pagare un centesimo per il trasporto. Sarebbe l’unica spesa valida che il governo potrebbe fare e sarebbe applaudita da quei pochi 50 milioni di italiani rimasti ( gli altri 2.000.000 se ne sono gia’ andati ). Avrebbe il governo il coraggio di prendere questa decisione con la ” mano sinistra ? “

  • Pilartognocchii@hotmail.com 10 marzo 2018

    Vergognatevi! però mi chiedo perché tutta la classe politica della sinistra presente oggi a Firenze – che evidentemente dimentica che a casa di questo folle sono state rinvenute bandiere rosse dell’ex URSS, stelle rosse ecc, a conferma che qui il razzismo non c’entra nulla e si tratta di un mero atto criminale – non abbia ritenuto a suo tempo opportuno partecipare alla fiaccolata del 6 febbraio a Macerata per Pamela.
    E mi chiedo perché di fronte all’orrore di una ragazzina fatta a pezzi dai suoi carnefici non abbiano ritenuto di andare a rappresentare il proprio cordoglio alla mamma, come ho fatto io, a differenza di quasi tutti gli esponenti della sinistra.
    Ma vi sentite a posto con la coscienza?

  • marcelloparsi@alice.it 10 marzo 2018

    Purtroppo questa epidemia antifascista e anti razzista è un male di stagione e non passerà tanto facilmente, perché i sinistrati, a corto di idee propositive, devono pur dire qualche cosa, per giustificare la loro sopravvivenza al crollo del comunismo sovietico, per innalzare le loro giaculatorie durante i cortei, ossia la versione laica (e laida) delle processioni religiose, ormai passate di moda.

    • Carlo Mondini 11 marzo 2018

      Ma perché caro senegalese del c….. Non te ne torni da dove sei venuto e va………….

  • danielagiocasta@gmail.com 10 marzo 2018

    Questi convincimenti che il fascismo sia rinato denotano solo l’ultimo appiglio di un centro sinistra allri deriva. Si fanno cortei antifascisti, anche se ad uccidere il senegalese è stato un simpatizzante di Stalin e nessun senegalese e pochi italiani si sono indignati per ciò che è stato fatto, da parte di tre nigeriani, alla povera ragazza di Macerata. Io, di fronte a tanta ipocrisia e capivolgimento di valori, bon ci sto.

  • giorgio.precetti@alice.it 10 marzo 2018

    Che cosa ci fa il senegalese in Italia? Se ne torni a casina sua

  • Luisa Chiodini 10 marzo 2018

    Basta, per favore basta! Tappare da SUBITO la bocca di questi deficienti che continuano imperterriti a blaterare contro un fantomatico razzismo. Il manifestante intervistato dall’agenzia Vista andrebbe processato per scemenza cronica e se la persona in questione è quella rappresentata nell’immagine mi pare più che evidente che si tratta di persona di bassissimo livello intellettivo.
    Salvini esprime solo il sentimento della maggior parte degli italiani: ci volete processare tutti?

  • 10 marzo 2018

    Brava Italianeta ora avete anche radicali Aficani, il bel paese e diventato un paese di confusione!!!

    • mcpascal@libero.it 11 marzo 2018

      penamente d’accordo