Catania, la Procura sequestra la nave di una Ong: favoriva gli scafisti

lunedì 19 marzo 10:19 - di Stefania Campitelli

La procura di Catania ha ordinato il sequestro della nave della Ong spagnola ProActiva Open Arms, da sabato attraccata nel porto di Pozzallo, in provincia di Ragusa. Il reato ipotizzato dagli inquirenti è associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina. Lo scorso giovedì, infatti, Open Arms aveva soccorso più di 200 migranti al largo della Libia, rifiutandosi però di consegnarli alla Guardia costiera libica.

Ong accusata di associazione a delinquere

L’Ong spagnola aveva sostenuto che una volta rimandati in Libia i migranti avrebbero potuto subire violenze e maltrattamenti, il comandante della nave aveva chiesto di poter attraccare in un porto europeo visto che a bordo c’erano persone in condizioni di salute molte critiche. Dopo molte ore di attesa, il governo italiano, in un primo tempo contrario, aveva dato l’autorizzazione per l’attracco al porto di Pozzallo. Oggi è scattata la riposta dei magistrati. La procura di Catania ha confermato di avere avviato un’indagine con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina: gli inquirenti sostengono che ci sarebbe stata la volontà da parte della Ong di portare i migranti in Italia anche violando la legge e gli accordi internazionali conclusi tra Italia e Libia secondo i quali i migranti soccorsi al largo delle coste libiche andrebbero riconsegnati alla Guardia costiera libica, e non portati nei porti europei. Tre persone hanno già ricevuto un avviso di garanzia: il comandante, il coordinatore a bordo della nave e il responsabile spagnolo della Ong.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio.precetti@alice.it 19 marzo 2018

    LE ONG SONO DEI FUORILEGGE

  • emigalassi@gmail.com 19 marzo 2018

    E’ comodo portarli tutti qua! Le ONG ci guadagnano , ma ci perdono gli italiani che ogni giorno devono subire da questi che arrivano. Basta speriamo che vada su un governo che li respinga e faccia centri di accoglienza in Africa (per i veri profughi) , ma il 90% pensa solo a delinquere.

  • marcelloparsi@alice.it 19 marzo 2018

    Finalmente una buona notizia: la procura di Catania lavora in difesa dell’Italia, com’è suo dovere ed è giusto che sia. Si sa bene che le ONG hanno alle spalle Soros e, quindi, non possono non avere una natura delinquenziale.

  • fghajdk@csj.com 19 marzo 2018

    Le ONG sono il braccio operativo di una invasione pianificata dell’Europa. E’ bene che i popoli europei si rendano conto (e in fretta) che siamo in guerra e che qualcuno vuole la fine nostra e dei nostri valori. Bisogna fermare l’invasione subito e procedere all’espulsione di milioni di africani e asiatici che minacciano il nostro futuro e il lavoro e il benessere dei nostri figli e nipoti.