Cadono le prime teste del Pd: si dimette la Serracchiani. E Calenda s’iscrive

Dopo lo tsunami che ha colpito il Pd cominciano a cadere le prime teste. La prima a lasciare l’incarico all’interno del partito è Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia. «Alla luce del risultato delle elezioni − rende noto − per senso di responsabilità nei confronti di tutta la comunità del partito, ho preso la decisione di dimettermi dalla segreteria nazionale del Pd». Per poi aggiungere:  «Oggi stesso farò pervenire al segretario nazionale la lettera formale con cui comunico un atto che reputo doveroso e improrogabile». Già ieri la governatrice aveva definito i risultati delle elezioni, «una lezione durissima». Per la neoeletta, come riporta il Piccolo, «il Pd e tutto il centrosinistra vengono messi di fronte a interrogativi decisivi e vitali. L’identità riformista e i risultati di governo non bastano più a intercettare milioni di persone e non riescono a rispondere ai loro bisogni. In tempi di incertezza e paura, non siamo stati un punto di riferimento. Da questa sconfitta bisogna ricostruire un’identità, una missione e un rapporto con interi strati di popolazione».

Serracchiani eletta in extremis

Debora Serracchiani, candidata al secondo posto nella lista del Pd al collegio uninominale Trieste alla Camera e al proporzionale in Fvg, è stata eletta in extremis, grazie ai “resti”. Nella nuova sfida diretta con l’ex governatore Renzo Tondo in Fvg nel collegio uninominale di Trieste, Serracchiani ha avuto però la peggio. Nel 2013 Renzo Tondo era stato sconfitto per un pugno di voti vedendo sfumare la presidenza della Regione. A distanza di cinque anni il candidato per il centrodestra, si è preso la rivincita nei riguardi di Debora Serracchiani e ha conquistato la Camera dei deputati battendo l’avversaria di centrosinistra – nel collegio uninominale di Trieste – con il 38,18% pari 43.388 voti. La presidente uscente del Fvg si è fermata al 25,93% pari a 30.385 voti.

Calenda si iscrive al Pd

Nel Pd c’è chi va e chi viene. «Non bisogna fare un altro partito, ma lavorare per risollevare quello che c’è. Domani mi vado a iscrivere al Pd». L’annuncio arriva su Twitter dal ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. «Condivido in pieno linea su no governo con 5S, non commento percorso congressuale e timing dimissioni perché non iscritto al Pd − scrive ancora Calenda − trovo fuori dal mondo l’idea che la responsabilità della sconfitta sia di Gentiloni, Mattarella (x voto 2017) e di una campagna troppo tecnica». A Calenda i social rimandano una raffica di reazioni entusiaste. Il primo a rispondere è il premier, Paolo Gentiloni: «Grazie Carlo!». Lo salutano come un bel segnale il vicesegretario del Pd Maurizio Martina («La scelta giusta»), Matteo Richetti, portavoce della segreteria del Pd ( «Preparo il comitato d’accoglienza! Che bella notizia Carlo Calenda! Si riparte alla grande»), il ministro Anna Finocchiaro: «È molto bello ed importante che in un momento difficile ci sia chi vuole dare il proprio contributo al Pd, al suo pluralismo e al suo rafforzamento. Benvenuto».