“Buca-buca” in tribunale: la Procura indaga sulle voragini della capitale

E finalmente, sulle buche che martoriano la capitale, minacciando la salute e, in alcuni casi, la stessa sopravvivenza degli automobilisti impegnati tutti i giorni nello slalom per le disastrate strade della capitale, la procura di Roma apre un’inchiesta. Dunque, buche di Roma nel mirino: dopo polemiche e incidenti, ironie virtuali e vertenze in tribunale, la Procura di Roma apre un’inchiesta e indaga.

Buche a Roma, la Procura apre un’inchiesta

Proprio così: le buche della capitale arrivano in Tribunale. La Procura di Roma ha infatti aperto una indagine, al momento senza indagati o ipotesi di reato, sulle condizioni del manto stradale della città eterna, in seguito agli esposti presentati da alcune associazioni di consumatori. Non a caso, anche oggi – tra sciopero e postumi dell’andata di maltempo – sono pesanti i disagi alla circolazione nella capitale. E così, dopo la rabbia e i problemi tradotti in esposti e denunce, vertenze, carte bollate e referti; dopo l’ironia sul web e un quotidiano battage mediatico intestato all’atavico problema, ora l’approccio sarà – ci si augura esaustivamente – giuridico. E in attesa che l’inchiesta proceda e autorevoli consessi si pronuncino a riguardo, anche Assotutela, per voce del suo presidente Michel Emi Maritato, ha fatto sapere che, anche l’associazione, «dopo l’esposto alla Procura della Repubblica» ha deciso «di procedere con una class action contro il Comune di Roma».

La “class action” di Assotutela

E così, in merito alla questione buche nella Capitale d’Italia, che in questi giorni sta causando polemiche e proteste, Assotutela aggiunge e spiega che, «al fine di tutelare i diritti di automobilisti e centauri, ci pare doveroso intraprendere una azione legale collettiva contro quelle che consideriamo gravi negligenze da parte del Campidoglio. La class action, dunque, sarà rivolta a tutti quei cittadini politraumatizzati in seguito a sinistri stradali, causati dalle buche sulle strade di competenza capitolina, o che hanno riscontrato problemi alla propria autovettura o al proprio ciclomotore, a causa della presenza delle stesse. Con il percorso legato, che abbiamo intenzione di intraprendere, inoltre vogliamo sollecitare l’amministrazione della sindaca Raggi ad approvare provvedimenti immediati per ripristinare il manto stradale e le conseguenti condizioni di sicurezza».