Brexit, la Ue annuncia: trovata un’intesa, tranne che per l’Irlanda

lunedì 19 marzo 15:36 - DI Redazione

I negoziati sulla Brexit hanno segnato una “tappa decisiva. Ci siamo messi d’accordo su una gran parte di quello che costituirà l’accordo internazionale per il ritiro del Regno Unito dall’Ue. Una tappa resta una tappa: non siamo ancora alla fine, resta ancora molto lavoro da fare su materie importanti”, in particolare sulla questione irlandese. Lo dice il capo negoziatore dell’Ue per la Brexit, Michel Barnier, in conferenza stampa a Bruxelles. “Abbiamo fatto in questi ultimi giorni – ha continuato Barnier – una parte essenziale del cammino verso un ritiro ordinato del Regno Unito dall’Ue, al quale noi lavoriamo dal primo giorno di questa missione. Continueremo, tenendo a mente che tutti i punti fanno parte di uno stesso accordo e che dovranno quindi essere concordati insieme”. “Aggiungo – ha proseguito – che la certezza giuridica su tutti questi punti, transizione compresa, non verrà se non con la ratifica, da entrambe le parti, dell’accordo di ritiro. Niente è concordato fino a che tutto non è concordato”. “Dal lato dell’Ue, sono ora gli Stati membri che devono valutare i progressi, al momento di adottare le linee guida che ci consentiranno di cominciare a discutere in parallelo con il Regno Unito del quadro dei nostri rapporti futuri e del partenariato” che legherà l’Ue al suo ex Stato membro dall’altra parte della Manica, ha concluso Barnier.

La soluzione di salvaguardia, o backstop, per la questione irlandese individuata nello scorso dicembre, cioè la creazione di un confine doganale nel Mare d’Irlanda, farà parte del testo dell’accordo per il ritiro del Regno Unito dall’Ue e verrà applicata “a meno che e fino a che” non vengano trovate altre soluzioni per impedire il risorgere di un confine fisico tra l’Irlanda e I’Irlanda del Nord. Lo ha spiegato Barnier, in conferenza stampa a Bruxelles a fianco del collega britannico David Davis. “Sulla governance dell’accordo di ritiro – ha detto Barnier – abbiamo confermato la soluzione concordata in dicembre per quanto riguarda i diritti dei cittadini, che è un punto concordato. Ma resta da stabilire la governance sugli altri punti dell’accordo di ritiro. Sull’Irlanda e l’Irlanda del Nord, serve una soluzione funzionante e praticabile per evitare un confine fisico e proteggere la cooperazione nord-sud”. L’Ue e il Regno Unito, ha continuato, “hanno concordato di includere nel testo dell’accordo di ritiro pubblicato oggi una nota su come la questione irlandese verrà affrontata. Abbiamo concordato anzitutto che entrambe le parti restano impegnate al rapporto congiunto di dicembre, in tutti i suoi aspetti”. Secondo, ha proseguito Barnier, “abbiamo concordato che i problemi identificati nel testo dell’Ue devono essere affrontati per trovare soluzioni praticabili e legalmente solide. Terzo, abbiamo concordato che la soluzione di salvaguardia deve fare parte del testo giuridico dell’accordo di ritiro. Quarto, abbiamo concordato anche su alcuni elementi del protocollo, in particolare quelli relativi alla Common Travel Area e alla cooperazione nord-sud”. “La salvaguardia – ha aggiunto – si applicherà a meno che e fino a che un’altra soluzione non venga o non verrà trovata. Siamo disposti a guardare a tutte le opzioni che ci permettano di raggiungere i nostri obiettivi in modo costruttivo. Ed è quanto ho sottolineato nei miei recenti incontri” in Irlanda e Irlanda del Nord. “L’Irlanda e l’Irlanda del Nord formano una parte distinta all’interno del quadro dei negoziati per il ritiro ordinato del Regno Unito dall’Ue. Lo ripeto, all’interno del quadro dei negoziati. In questo contesto, abbiamo concordato con il Regno Unito un’agenda dettagliata per le discussioni nel corso delle prossime settimane”, ha concluso Barnier.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 21 marzo 2018

    Yes Rolando you are right. Bruxelles can’t controll or interfere within other Nation problems. I think EU need to review the all system as at moment it’s not an United Europe but ” Disunited Europe ”
    Rgds Pino Forconi

  • 19 marzo 2018

    Good get away from the bloodsuckers within the Euro Zone…no one wants to be controlled from Brussels…I have always said a sovereign nation is a free nation.