Battisti, si apre uno spiraglio per l’estradizione: tutto nelle mani del nuovo presidente

martedì 13 marzo 16:22 - DI Martino Della Costa

Cesare Battisti potrebbe essere estradato: le agenzie battono la notizia e le speranze di vedere l’ex terrorista dei Pac, l’assassino condannato per 4 omicidi, si riaccendono. Il visto concesso da Lula può essere revocato. La melina è finita. Basta dribbling e palle rinviate al centro: ora il Brasile deve prendere una decisione che non sia viziata da provvedimenti, decreti, visti o revoche dell’ultim’ora, affidata a una guazzabuglio di carte bollate e discutibili decisioni sancite ad hoc per ovviare alla giustizia. Una giustizia in Italia attesa da anni che, per ultimo l’ex presidente Lula, ha una volta ancora osteggiato e rimandato.

Battisti, si riaccendono le speranze per l’estradizione

Ora, però, le speranze di vedere finalmente estradato l’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo (Pac), l’omicida condannato a quattro ergastoli per altrettanti delitti commessi negli anni ’70, sembra essere una eventualità possibile, tanto che, come riporta il sito dell’Ansa in queste ore: «La Procura Generale brasiliana ha aperto la strada all’estradizione in Italia di Cesare Battisti… e in un parere inviato al Supremo Tribunale Federale (Stf) ha stabilito che “la decisione è esclusivamente del presidente della Repubblica”, Michel Temer». Il che spiega anche il fatto che, come riferito sempre dall’agenzia giornalistica, «la Procuratrice Raquel Dodge, che firma il documento, ha respinto la tesi della difesa di Battisti, secondo cui il decreto con il quale l’ex presidente Lula Da Silva impedì l’estradizione dell’ex terrorista, non poteva essere modificato dall’attuale presidente».

La procura generale brasiliana contesta il decreto di Lula

Insomma, ora non ci sarebbero più scuse: il Brasile che da anni ospita l’ex terrorista latitante può estradare Battisti, la decisione spetta a Temer. Per la procura brasiliana, infatti, non è vero – come sostenuto fino all’impossibile dai legali di Battisti – che il visto permanente concesso da Lula al loro assistito sia «irrevocabile»: il contrario. E lo dimostrerebbe, peraltro, una volta di più, il fatto che già nel 2009 la Corte suprema brasiliana aveva approvato l’estradizione, rimettendo però l’ultima decisione a Lula che, un anno dopo, rispose concedendo un decreto con cui elargiva a Battisti il visto. Ora però è tutto da rifare e tutto può essere rimesso in discussione. E così, dopo che a ottobre l’ex terrorista era scappato dal Brasile inducendo Temer a revocargli l’asilo, e dopo che i legali del terrorista si erano appellati all’habeas corpus ingaggiando una battaglia legale con il governo, ora la battaglia a colpi di richieste e decreti, sembra essere arrivata finalmente alla resa dei conti. E allora, come commenterà Battisti, che in questi lunghi decenni di fughe misteriose e latitanze dorate, di connivenze e smacchi istituzionali, alle lacrime dei parenti delle sue vittime ha sempre risposto con sorrisi beffardi e brindisi in aeroporti?

 

 

Commenti

Rispondi a Babbone Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • badelio@teletu.it 14 marzo 2018

    Fatelo marcire nelle galere brasiliane……

  • ambrosi21@gmail.com 14 marzo 2018

    Anche se la sua presenza riuscirà ad impuzzolentire l’atmosfera dei sinistri in cui viviamo è giusto che venga a marcire nelle patrie galere

  • emanuela.tomassetti1@alice.it 13 marzo 2018

    Ma lasciatelo in Brasile, chi la vuole questa m**** !!!!