“Arrestate Puigdemont”. In Finlandia è caccia al leader catalano

sabato 24 marzo 15:19 - DI Redazione

La polizia finlandese ha annunciato che darà seguito alla richiesta di arresto da Madrid per Carles Puigdemont, il leader separatista catalano che si trova in vista nel Paese. L’Ufficio nazionale di indagini finlandese, in un breve comunicato, ha riferito che la Spagna «ha fornito le informazioni richieste» per il mandato di arresto internazionale, aggiungendo però che l’attuale ubicazione di Puigdemont è «ignota».

Ieri Puidgemont era a Helsinki

Il leader separatista catalano, che si è auto esiliato in Belgio, era stato invitato giovedì ad una serie di incontri al Parlamento finlandese e venerdì ha tenuto un discorso all’Università di Helsinki. Secondo il suo programma, avrebbe dovuto lasciare la Finlandia oggi.

Puidgemont vive a Bruxelles

In una breve dichiarazione di qualche ora prima, l’Ufficio investigativo nazionale (NBI) aveva reso noto di aver ricevuto l’ordine rinnovato giovedì dal Tribunale Supremo di Madrid e di averlo inviato ad un procuratore finlandese , chiedendo al contempo alla Spagna maggiori e “necessarie” informazioni. Puigdemont, che vive a Bruxelles, era stato invitato a prendere parte ad una riunione ieri nel parlamento finlandese e venerdì ha tenuto una conferenza all’Università di Helsinki. Il programma ufficiale di Puigdemont, secondo il deputato finlandese Mikko Karna, uno dei politici che lo aveva invitato, si è concluso ieri.

Puidgemont rischia 30 anni in Spagna

Secondo il quotidiano spagnolo El Mundo, che ha intervistato il suo legale, il leader catalano si presenterà alla polizia finlandese entro poche ore. Il motivo è semplice: in Spagna Puidgemont rischia dai 25 ai 30 anni di galera, mentre in Finlandia la legge punisce da uno dieci anni lo stesso reato. Una strategia processuale chiara. Consegnarsi alle autorità di Helsinki, a patto di non essere trasferito a Madrid.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Marino Brini 25 marzo 2018

    Puigdemont deve rimanere libero