A Benevento è allarme gang: seviziano moglie di un medico e svaligiano la villa

La moglie di un medico di Amorosi (Benevento), che venerdì pomeriggio era sola in casa, è stata picchiata e minacciata da due malviventi – pare con accento straniero – che con il volto coperto erano riusciti ad entrare all’interno della sua abitazione, una villetta nel centro abitato del paese. Mentre uno dei rapinatori teneva sotto controllo la donna, M.C. di 61 anni, l’altro ha rovistato ovunque, mettendo tutto a soqquadro fino a quando ha trovato numerosi gioielli e un migliaio di euro in contanti. Impossessatisi del bottino, circa mille euro in contanti, i due malviventi sono fuggiti. La donna, sotto choc, è comunque riuscita a dare l’allarme. Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri.

A gennaio una rapina simile in una villa vicina

Il luogo della rapina, non è distante dalla villa assaltata nel gennaio scorso con modalità analoghe. In quel caso i banditi, dopo aver massacrato di botte gli inquilini, avevano arraffato qualche gioiello dandosi poi alla fuga. Nel corso delle scorse settimane, sempre ad Amorosi, ad essere rapinato – in quell’occasione per sfondare l’ingresso dell’esercizio commerciale fu utilizzato un furgone – era stato un bar.

Nel Sannio è caccia a una gang di immigrati

Subito dopo quelle rapine in stile Arancia meccanica, si era svolta anche una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza al quale hanno partecipato non solo il prefetto, i vertici della Polizia di Stato e dell’Arma ma anche il presidente della Provincia di Benevento ed i sindaci del comprensorio. Nell’occasione, è stato deciso di incrementare il numero degli impianti di videosorveglianza. Iniziativa che, per ora, non ha costituito un deterrente per i malviventi.