9500 euro sottratti con l’inganno a un’anziana: la truffa della telefonata

Una truffatrice raggira un’anziana, ma viene beccata. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Arezzo hanno restituito 9.500 euro a una donna di Arezzo, 77 anni, che il 19 febbraio scorso è stata vittima di una truffa all’interno della propria abitazione. I militari dell’Arma, con la collaborazione della polizia ferroviaria Aretina e di quella di Napoli e della polizia municipale di Arezzo, hanno identificato e denunciato la truffatrice residente nel Napoletano. La vittima, secondo la ricostruzione dei fatti, ha prima ricevuto una chiamata telefonica da parte di un sedicente avvocato, il quale le riferiva che suo figlio aveva avuto un incidente stradale ed aveva investito un ragazzo, e quindi, essendo privo di copertura assicurativa, era in stato di fermo in una caserma dei carabinieri. Per evitare l’arresto, l’anziana madre doveva consegnare come cauzione la somma richiesta a una sua incaricata.

Ricevuta la visita dell’inviata dal sedicente avvocato, la vittima, sola in casa, ha…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi