Venezuela: sospetto contrabbandiere evangelico sfida il dittatore Maduro

mercoledì 21 febbraio 15:11 - DI Redazione

Javier Bertucci, un pastore evangelico di 48 anni, ha annunciato la sua candidatura alle elezioni presidenziali venezuelane del 22 aprile, in cui il presidente Nicolas Maduro cercherà la rielezione. “Ho deciso, con il grido di molte persone senza speranza, di mettere il mio nome e la mia fede per le prossime elezioni presidenziali”, ha detto Bertucci nel corso di una cerimonia tenutasi ieri nella città venezuelana di Valencia, nello Stato centrale di Carabobo. A quasi un mese dall’annuncio di elezioni anticipate, Bertucci emerge come il primo avversario Maduro, dal momento che la coalizione di opposizione Mesa de l’Unidad Democratica (Mud) non ha ancora deciso se parteciperà al voto. Bertucci in Venezuela è imputato di contrabbando ed è coinvolto in una serie di operazioni finanziarie milionarie in tutta l’America latina. Intanto la Colombia chiede l’aiuto della comunità internazionale per fare fronte al massiccio afflusso di venezuelani che fuggono dalla crisi economica che sta strangolando il loro Paese. “Gli immigrati che vengono da noi sono forse il problema più serio che abbiamo in questo momento”, ha detto il presidente colombiano Juan Manuel Santos ai microfoni dell’emittente Blu Radio. Santos ha detto di avere avviato una discussione con le Nazioni Unite sulla possibilità di ricevere il sostegno internazionale perché “il numero di persone che hanno bisogno di assistenza sta aumentando esponenzialmente e nessuno stato ha la capacità di assorbirlo”. Sono circa 550mila i venezuelani che attualmente vivono in Colombia, mentre altri 37mila attraversano quotidianamente il confine. La maggior parte per acquistare cibo e medicinali che non sono disponibili in Venezuela.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *