Un’altra foto horror della Boldrini, l’anonimo subito bollato come “fascista”…

martedì 6 febbraio 12:39 - di Monica Pucci

Un’altra foto horror, dopo quella della testa mozzata e insanguinata. Su Facebook spunta la foto della testa di Laura Boldrini tra le lame di una cesoia. Accompagnata dalla frase: ”Giustizia per Pamela Mastropietro, barbaramente uccisa e fatta a pezzi da una risorsa nigeriana amica della Boldrini”. E’ il nuovo fotomontaggio choc contro la presidente della Camera apparso su Facebook dopo quello di sabato scorso con la sua testa sgozzata. Un post arrivato nella notte sulla pagina Fb dei ‘Sentinelli di Milano’.

”Questa è arrivata sulla nostra pagina stanotte – scrivono i Sentinelli di Milano – È tempo di maldestri emuli, avvoltoi da social, disperati che provano, dispensando odio in rete, a essere considerati per cinque minuti nella loro vita. In questi giorni potete ben comprendere come non si risulti simpatici proprio a tutti. Confortati in questi tempi bui, anche delle migliaia di persone che si stanno iscrivendo alla nostra pagina da sabato scorso, non intendiamo indietreggiare di un solo millimetro. Certo non daremo l’ onore e non faremo il favore di concedere le luci della ribalta a ogni fascistello in paranoia. Gireremo il materiale necessario a chi ha altri strumenti e poteri per fermare questa ondata di violenza. Un abbraccio a Laura e a tutte le vittime dell’odio razzista”.

Fascitello in paranoia, ecco che subito è scattata la definizione, il bollino blu, al primo pazzo che fa sciocchezze sul web…

Visto la facilità con cui si può modificare una foto e metterla sui social, viene il sospetto che dalla pessima provocazione si stia passando al “giochino” della foto del giorno, con la Boldrini a condannare una pratica macabra che politicamente non ha nulla a che vedere con le sue battaglie. Ma il ruolo dell’eroina che non ha nulla da dire ma viene presa di mira sui social rischia di diventare argomento di campagna elettorale grazie a qualche idiota della rete. Subito bollato come “fascista”, anche quando è grillino…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Luisa Chiodini 6 febbraio 2018

    Ma i sentinelli non erano i pirlotondi del sentinello capo pisapia, “grande, grande, grande” (???) ex sindaco multiculturalista, portatore di primavera per la povera città di Milano?
    Pensavo fossero andati in pensione insieme al loro capo pirlotondo, evidentemente mi sono sbagliata. Sono sponsor della boldrini? Giusto con quella lì potevano finire.

    • MarioD6 7 febbraio 2018

      Questi mononeuronici che hanno sostenuto Pisapia ed ora si accodano a Sala ed alla Boldrini, devono ottenere visibilità in quanto nessuno se li fila più. Dopo i danni fatti dai loro idoli devono scaricare tutto sui fascisti, ovvero su chiunque non appoggi la politica demenziale e distruttrice dei kompagni.

  • GIAN GUIDO BARBANTI 6 febbraio 2018

    E’ talmente antipatica che questo e’ il minimo che le puo’ capitare