Uma Thurman e l’incidente sul set di “Kill Bill”, Tarantino: «Sono colpevole» (video)

«È uno dei più grandi rimpianti della mia vita». Quentin Tarantino rompe il silenzio sul drammatico incidente avvenuto a Uma Thurman 15 anni fa sul set di Kill Bill di cui l’attrice ha parlato nei giorni scorsi in una lunga intervista al New York Times. La star ha raccontato di essere stata costretta a girare senza controfigura una scena nella quale doveva guidare a tutta velocità e di essersi schiantata con l’auto contro una palma riportando problemi fisici ancora oggi non risolti. Su Instagram Thurman ha condiviso il video completo dell’incidente precisando di aver ricevuto la clip da Tarantino e sottolineando di considerare unici responsabili dell’insabbiamento dell’accaduto Harvey Weinstein e altri della produzione. Il regista, in un’intervista a Deadline, ripercorre dettagliatamente quanto accaduto sul set il giorno del terribile schianto in Messico. Tarantino dice non sapere esattamente quale sia stata la causa dell’incidente ma di aver guidato prima lui stesso lungo quella strada proprio per accertarsi che non ci fosse alcun rischio per Uma ma di averlo fatto nella direzione opposta a quella che avrebbe poi percorso l’attrice. «Le ho detto che la strada era una linea retta» ma «mi sbagliavo». «Non l’ho costretta a salire su quella macchina», lei «si è fidata di me». «Ho pensato che una strada dritta è una strada dritta – spiega –  e non pensavo che avrei dovuto percorrerla di nuovo in senso opposto per assicurarmi che non ci fossero differenze». E sottolinea: «È uno dei più grandi rimpianti della mia vita».

Tarantino: «È stato orribile»

Poi, descrivendo il suo stato d’animo dopo l’incidente, Tarantino dice: «È stato semplicemente orribile». «Quello che è successo – racconta – ha condizionato i rapporti tra me e Uma per i successivi due o tre anni. Non è che non ci parlassimo. Ma il rapporto di fiducia si era infranto. Una fiducia spezzata dopo un anno che giravamo». «Abbiamo cercato di prenderci cura di lei – spiega parlando del periodo delle riprese del film – Non si è mai fatta male. Poi, negli ultimi 4 giorni, mentre stavamo girando quella che pensavamo fosse una semplice scena di guida, lei è quasi rimasta uccisa». Tarantino dice di aver condiviso la scelta dell’attrice di raccontare la sua esperienza con Weinstein e di aver compiuto un’impresa titanica per ritrovare quel filmato. «Ero così felice quando siamo riusciti a scovare il video dell’incidente perché avrei potuto darlo a Uma». Ed è proprio quella la clip che l’attrice ha pubblicato su Instagram. «Le circostanze di quanto accaduto – scrive nel post la  Thurman – sono state negligenti fino alla criminalità. Non credo però che ci fosse l’intenzione di fare qualcosa di male». La star di Pulp Fiction difende poi Tarantino: «È stato profondamente dispiaciuto e gli resta il rimorso per questo drammatico evento. È stato lui a darmi il filmato dopo anni permettendomi di renderlo pubblico, indipendentemente dal fatto che si tratta di qualcosa su cui non sarà mai possibile ottenere giustizia. Lo ha fatto – aggiunge – anche con la piena consapevolezza che potrebbe causargli dei danni personali e sono orgogliosa di lui perché ha fatto la cosa giusta e per il suo coraggio». La Thurman ha poi puntato il dito contro la produzione del film: «L’insabbiamento è stato intenzionale e malevolo».