Sondaggi, il centrodestra avanti di 10 punti. Manca un soffio alla maggioranza

mercoledì 14 febbraio 14:46 - di Fortunata Cerri

Sondaggi sempre più allarmanti per il Pd. Le cifre parlano chiaro: il centrodestra è sempre più avanti, ha tutte le carte in regola per superare il 40% dei voti. Un risultato che, unito a un buon numero di seggi conquistati nei collegi uninominali, permetterebbe alla coalizione guidata da Silvio Berlusconi di ottenere i numeri per governare il Paese. Come riporta il Giornale, secondo l’istituto demoscopico Emg il centrodestra è al 37,4%, suddiviso in questo modo: Forza Italia al 16,1%, Lega al 13,9%, Fratelli d’Italia al 4,6% e in continua crescita (in altri sondaggi, come quello della Ghisleri, il partito di Giorgia Meloni è al 5%), Noi con l’Italia al 2,8%. Il centrosinistra si attesta intorno al 27,9%: il Pd è al 22,8%, +Europa al 2,1%, Civica popolare all’1%, Insieme è al 1,6%. Il Movimento 5 Stelle è al 27,3%, Liberi e Uguali è al 5,2%.

L’incognita degli indecisi

C’è ancora l’incognita di chi non vuole andare a votare. Infatti è ancora molto alto il numero di italiani che si dichiara “indeciso” se partecipare o meno al voto: siamo intorno al 40,5%. Se una fetta importante di questi elettori dovesse decidere anche solo all’ultimo momento, potrebbe fare da ago della bilancia. In alcuni collegi, come ad esempio, a Napoli, la sfida è sul filo di lana, con il centrodestra e i grillini in lotta in un testa a testa mentre il Pd arranca.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sergiuslictor 15 febbraio 2018

    Mi associo al giudizio dell’avvocato Baliicu. Occorre comunque che la gente possa tornare ad essere orgogliosa del patriottismo. Un popolo che difende la propria identità non è razzista. Noi non lo siamo mai stati.

  • Angela 15 febbraio 2018

    Avanti tutta! Questa volta il centrodestra sara”imbattibile”…

  • Mario M. Fornaro 15 febbraio 2018

    Il numero degli ‘indecisi’ che non hanno ancora scelto per chi votare (40% ?) sarà determinante. Sono al corrente del seguente ‘Patto’ di Silvio Berlusconi per la tornata elettorale del 4 marzo 2018.
    “Italiani, voglio tutti voi più benestanti e felici, dai più poveri ai più ricchi.
    Elettrici ed elettori: vi presento il mio “Progetto Omnia” che mette al centro della nostra Società la persona anziché solo il profitto e vuole migliorare il più possibile la vostra qualità della vita.
    Con il mio Governo, per ottenere questo scopo, attuerò le seguenti misure fiscali ed economiche facendo deficit di bilancio quanto serve e stampando Euro a casa nostra: cioè, riprendendo sovranità monetaria e politica il cui uso da parte dell’Ue sta rendendo gli Italiani sempre più poveri.
    Punto primo: elimino tutte le tasse e le denunce dei redditi di voi 41 milioni circa di contribuenti. Poi:
    1-Aumento tutte le pensioni.
    2-Aumento tutti gli stipendi.
    3-Do un assegno di cittadinanza a tutti i disoccupati e procurerò loro un lavoro garantito.
    4-Do un congruo assegno di cura a disabili, handicappati, malati cronici.
    5-Do un generoso assegno di maternità alle donne.
    6-Do un assegno di studio ai vostri figli, dall’asilo all’università.
    7- Assumo tutti i docenti precari e quelli senza lavoro.
    8-Garantisco tutti i posti di lavoro esistenti e qualsiasi azienda e imprenditore dal fallimento.
    9-Do una casa di proprietà al 24% di Italiani che non l’hanno.
    10-Azzero tutti i debiti di voi cittadini contratti con le Banche per acquisti di beni mobili e immobili.
    11-Risarcisco tutti i cittadini dei danni subiti da inondazioni, incendi, terremoti e altre disgrazie naturali a partire dall’alluvione di Firenze e dal Vajont.
    12-Risarcisco tutti i cittadini dei danni subiti per truffe, furti, violenze, omicidi, suicidi, incidenti e morti sul lavoro, incidenti stradali ed altri di qualsiasi natura (inclusi i danni da fallimenti di Banche).
    13-Imposto una serie di “Piani straordinari” di lavori pubblici e privati a spese dello Stato per creare piena occupazione e ammodernare l’Italia. Cioè:
    a-Opere anti alluvionali su tutti i fiumi e torrenti e sulle montagne e colline soggette a smottamenti.
    b-Opere anti terremoti con rifacimenti o costruzioni ex novo a norme antisismiche di scuole, ospedali, ricoveri e case di riposo per anziani e malati, edifici pubblici e privati vari (Poste, Tribunali, Prefetture, Camere di commercio, Municipi, Musei, Gallerie d’arte, Conservatori, Università, Teatri, Uffici turistici, Banche, strutture sportive di ogni genere, ostelli per la gioventù, camping, chiese, conventi , seminari ed altri edifici religiosi).
    c-Ristrutturazione anti sismica di tutti gli edifici vecchi per recuperarli all’uso e all’usufrutto.
    d-Recupero delle terre incolte in pianura, nelle colline, negli Appennini e nelle montagne sfruttandole ad uso agricoltura e allevamenti.
    e-Costruzione di nuovi istituti penitenziari nei quali i detenuti lavoreranno -pagati- per guadagnarsi il pane e risarcire le vittime.
    f-Cura e valorizzazione massima del territorio sia dei luoghi che delle strutture (città d’arte con edifici e monumenti equestri, stabilimenti balneari, porti, parchi, strade, ferrovie, laghi, mari, monti, boschi, piste ciclabili, aree pedonali, vespasiani, eccetera).
    Penso che si tratti di un ‘asso’ nella manica che il Cav. potrebbe giocare all’ultimo minuto.

  • avv. alessandro ballicu 14 febbraio 2018

    ci sono alri sondaggi che danno la lega al 20 per cento , ma ci sono troppi indecisi, comunque è notorio che mollti elettori di estrema destra temono di dichiarare il loro voto per non essere accusati di essere fascisti e/o razzisti , ritengo quindi che lega e fratelli di italia siano sottostimati, mi auguro vivamente che per il bene del popolo italiano stravincano come meritano, viva l’italia