Siria, combattente curda uccisa e smembrata dalle truppe pro-turche ( video – immagini forti)

I ribelli siriani dell’Esercito siriano libero (Esl), sostenuti dalla Turchia, hanno annunciato un’inchiesta sulla presunta mutilazione di una combattente curda, Barin Kobani, avvenuta all’inizio di questa settimana ad Afrin, distretto siriano controllato dai curdi e teatro dell’operazione turca Ramoscello d’ulivo. Kobani aveva circa 25 anni e nel 2015 si era unita alle Ypj, il braccio femminile delle Ypg, le Unità di protezione del popolo curdo. L’annuncio dei ribelli segue la diffusione di un video che mostra alcuni presunti miliziani dell’Esl mutilare il corpo della donna. Il video ha sollevato forte indignazione nella comunità internazionale e in particolare tra i curdi. In una nota l’Esl ha spiegato che sarà formata una commissione incaricata di indagare su quanto accaduto. I responsabili delle atrocità “saranno puniti”, hanno aggiunto i ribelli.