Roma blindata per 5 manifestazioni: ecco il piano della questura

venerdì 23 febbraio 18:37 - DI Fortunata Cerri

Messo a punto il piano di sicurezza contenuto in un’ordinanza di 42 pagine del questore di Roma per le cinque manifestazioni di domani. In una nota la questura informa che «nella serata di ieri, si sono conclusi gli incontri con i promotori di ogni singola manifestazione con i quali sono stati presi accordi organizzativi con lo scopo primario di garantire a ciascuno il dovuto spazio di agibilità democratica, tenendo però anche conto delle esigenze della città e ovviamente dell’ordine pubblico». Oltre 400 gli autobus attesi insieme a numerosi manifestanti che arriveranno in treno, navi e mezzi propri. Anagnina e Ponte Mammolo, i parcheggi di scambio raccomandati per i partecipanti alle iniziative di Anpi e No Vax mentre per coloro che prenderanno parte alla manifestazione di S.I. Cobas è stato individuato il parcheggio nell’area del Circo Massimo, dove i pullman si posizioneranno dopo aver lasciato le persone a piazza dell’Esquilino. «Ribadita  – si legge – la richiesta ai promotori di informare tutti i partecipanti dell’esigenza di collaborare nei controlli, affinché sia garantito il tempestivo avvio alle zone di concentramento. Tra le raccomandazioni, quella di non portare al seguito materiale o vestiario idoneo al travisamento, mazze, bastoni e aste rigide, fatta eccezione per le aste con anima vuota tradizionalmente usate per le bandiere».

Questura di Roma: i controlli scattano stasera

«I servizi a carattere preventivo – continua la questura di Roma – scatteranno già dalla serata di oggi fino ad arrivare al massimo spiegamento nel primo pomeriggio di domani. Saranno due i cerchi concentrici di controllo: il primo ai caselli ed alle maggiori vie consolari romane, mentre il secondo, riguarderà ciascuna delle aree di concentramento. La polizia scientifica riprenderà tutte le operazioni di controllo e afflusso, anche per acquisire elementi utili all’identificazione di responsabili di eventuali illegalità. Hanno partecipato al tavolo tecnico anche gli artificieri perché si è parlato delle misure di disinnesco e autotutela di eventuale rinvenimento di materiali esplodenti. Alla chiusura del tavolo tecnico il Questore di Roma Guido Marino ha sottolineato come l’impegno di tutte le forze dell’ordine dovrà essere domani indirizzato a far sì che la capitale divenga un contenitore di idee e valori che, anche se difformi, siano liberi da ogni forma di violenza».

Ecco le manifestazioni

Le manifestazioni previste per domani: dalle ore 13.00 alle ore 17.00 manifestazione indetta dall’Anpi con corteo con partenza da piazza della Repubblica a piazza del Popolo; dalle ore 14.00 alle ore 18.00 manifestazione indetta dalle associazioni Comilva, Condaverav in piazza di Porta San Giovanni; dalle ore 14.00 alle ore 19.00 manifestazione indetta da Cobas con corteo da piazza dell’Esquilino a piazza Madonna di Loreto; dalle ore 18.00 alle ore 20.00 manifestazione indetta da partito politico Fratelli d’Italia nei giardini “Calipari” di piazza Vittorio Emanuele II; nel pomeriggio presidio organizzato da aderenti ai Movimenti Antagonisti capitolini, presso la sede del Centro di Permanenza per i Rimpatri di Ponte Galeria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *