Neve a Roma, Rampelli: «Raggi inutile. E pensare che voleva la funivia…»

«Roma ammantata di neve, i meteorologi ci hanno preso, Virginia Raggi no. Aveva previsto la funivia a Boccea e sono dieci giorni che si parla della perturbazione siberiana, ma non sono bastati a garantire la regolarità della vita cittadina, come dovrebbe accadere in una capitale europea». È quanto dichiara Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. I disagi e l’approssimazione del fantomatico piano- neve della Raggi stanno rendendo la vita difficile ai romani, che per fortuna, l’hanno presa in filosofia, talvolta con l’umorismo. Ma non c’è da ridere. Spiega Rampelli: «Non c’era riuscito Alemanno che almeno era in mimetica a invocare l’esercito e ordinare pale, ha fallito anche la Raggi che se ne sta con il sombrero in Messico a disquisire di alterazioni climatiche mentre l’inverno manda gelate e fa fioccare la neve». «Tutto sommato è normale – prosegue Rampelli –  perché d’inverno sono normali anche le eccezionalità. Poi dice che uno l’attacca. Considerata la sua inutilità alla guida del Campidoglio,  è quasi meglio che rimanga lì, magari passando da Città del Messico alla costiera di Acapulco per un altro tuffo spettacolare. Nel ridicolo».