Napoli, la Bonino fa campagna elettorale in Chiesa: rivolta tra i fedeli

sabato 17 febbraio 14:32 - di Gabriele Alberti
bonino

Emma Bonino e la campagna elettorale in chiesa. Non è passata inosservata l’intenzione della leader di +Europa, di fare tappa tappa presso l’l’Ipogeo della Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio di Capodimonte, a Napoli, nel pieno della corsa elettorale. Appena si è diffusa la notizia della volontà della Bonino di incontrare i volontari del terzo settore in uno dei luoghi simbolo della fede partenopea, alcuni fedeli hanno scritto una lettera al cardinale Sepe, pregandolo di concedere spazi sacri a un’ esponente politico che non ha mai fatto mistero di aderire a una scala di valori opposta a quella promossa dalla Chiesa cattolica. Questo il contenuto della lettera che è stata pubblicata su Fb:

Bonino, la lettera dei fedeli a Sepe

“Ci rivolgiamo a Lei come figli si rivolgono al padre quando sono turbati da accadimenti contrari all’educazione ricevuta – si legge nella missiva in questione pubblicata anche su Facebook – Da anni svolgiamo la nostra attività di volontariato nella difesa della vita nei centri e nelle associazioni dove si aiutano mamme e famiglie alle prese con gravidanze non desiderate e che vorrebbero, pur tra mille difficoltà, tenere e far nascere i loro bambini”.

E ancora: “Ora apprendiamo come alla signora Emma Bonino sia stata addirittura concesso, a scopi politici, l’Ipogeo della Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio a Capodimonte... proprio a colei che rivendica con orgoglio le sue decennali e purtroppo vittoriose battaglie in favore di divorzio, aborto, fecondazione artificiale e tenace sostenitrice della liberalizzazione delle droghe cosiddette leggere e della legalizzazione dell’eutanasia, tutti istituti contrari al magistero e al catechismo della Chiesa Cattolica”. Poi la richiesta esplicita: “Non senza imbarazzo, ma con animo umile e in spirito di obbedienza, rimettiamo alla sua saggezza di pastore le nostre perplessità e confidiamo come sempre nella sua guida illuminata”, hanno scritto i volontari pro life.

Il cardinale Crescenzio Sepe, insomma, dovrebbe impedire lo svolgimento di un’iniziativa elettorale con protagonista la Bonino all’interno di un luogo sacro. Come andrà a finire non si sa, certo è che dopo che Papa Francesco, durante un incontro a Santa Marta nel febbraio del 2016, aveva inserito l’ex ministro degli Esteri “tra i grandi dell’Italia di oggi”, all’arcivescovo Sepe l’ingrato e imbarazzante compito di prendere una decisione pubblica. Del resto Pd e soci hanno preso questa abitudine, usare le chiese, addirittura la Messa domenicale per rivolgere pensieri politici ai fedeli: lo avevano fatto Micali e Orlando durate la campagna elettorale siciliana, lo ha fatto Renzi nella Basilica Paleocristiana Chiesa SS Annunziata di Paestum. Certo, la Bonino con la sua storia…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • italagermana@hotmail.it 19 febbraio 2018

    ridateci Benedetto XVI o un castigamatti come Giovanni Paolo II o siamo tutti perduti

    • Irfase@libero.it 20 febbraio 2018

      Una volta era la democrazia cristiana oggi si chiama PD questo dovrebbe far capire ai pdidioti che la sinistra col PD non ha nulla da spartire

  • francescotunzi42@gmail.com 19 febbraio 2018

    Da quando la Chiesa ha sostituito il suo vertice inserendo l’Imam al Papà io che già da anni mi dichiarò Cristiano ( non cattolico ) mi sento ancor più vicino a Gesù Cristo e lontano anni luce da profeti islamici !!!!

  • teresafedele1@gmail.com 19 febbraio 2018

    E quale commento devo lasciare,siamo alla frutta,mi auguro che lo Spirito Santo illumini il cardinale Sepe

  • franva46@virgilio.it 19 febbraio 2018

    anche a Sassari il vescovo durante la festa del corpus domino, faceva propaganda elettorale per il PD. senza vergogna.

  • carmelo.alemanno@libero.it 19 febbraio 2018

    Che schifo. MI sto letteralmente nauseando della Chiesa cattolica. Ora capisco perchè c’è sempre meno gente in chiesa…ma come si può dare spazio alla bonino: donna pro-aborto, contraria alla pena di morte anche per delitti efferati e sempre a difesa di criminali e assassini (caino ). Vergognati, “buonista” opportunista, cattiva e malvagia.

  • carloviviani47@gmail.com 19 febbraio 2018

    Buoni quelli…. sono diventati più sudici degli altri… questi preti modernisti bergogliani!
    La colpa non è della Bonino, che se Dio fosse vendicativo la fulminerebbe una volta varcata la soglia della Sua Casa, ma dei preti che le consentono, a lei come a tanti altri cialtroni, di profanare il Tempio del Signore.

  • tuccio1965@libero.it 19 febbraio 2018

    Povera Chiesa Cattolica come sei ridotta.

  • morelli_p@libero.it 19 febbraio 2018

    Non è un caso che, da quando Bergoglio è Papa, ho smesso di andare in chiesa e di dare l’8 per mille alla Chiesa Cattolica….e non sono il solo…

  • paolaiesus@tin.it 19 febbraio 2018

    Non si chiede la tessera si chiede SOLTANTO IL RISPETTO DELLA FEDE CRISTIANA!!!!!!!!

  • cardosoj771@gmail.com 18 febbraio 2018

    Bergoglio es un hereje usurpador del Trono de Pedro. Hace siglos que el Vaticano està infiltrado por masones y judìos. Es el Papa del Anticristo.

  • paolosconti@alice.it 18 febbraio 2018

    Ma no…. non lo fanno per motivi politici !!!!!!! i Kompagni fanno sopralluoghi per consigliare le migliori Chiese ai loro amici islamici. VERGOGNA BERGOGLIO…..COME HAI RIDOTTO LA LA CRISTIANITA’!!!!!!!!

  • vittoro.sciullo@libero.it 18 febbraio 2018

    un amico faceva una considerazione, “sono più i morti fatti con la pompa della bicicletta dalla organizzazione abortista alla quale era associata la Bonino che quelli fatti con la lupara dalla organizzazione tenuta da Riina”. Comunque dalla notizia che riportate sembra di capire che ora anche la bonino si appassione alle icone sacre della chiesa che anche l’organizzazione di Riina teneva in molta considerazione; o almeno per tornaconto elettorale

  • cap.lazzari@gmail.com 18 febbraio 2018

    Ma esiste ancora una Chiesa Cattolica ……????????????

  • Soniafas@tin.it 18 febbraio 2018

    Dico solo che abbiamo dei Cardinali venduti a Satana. Sarebbe stato gratificante per Lui se l’avesse invitata a uscire dalla Chiesa. Non seguire quello che ha detto o fatto Papà Francesco.

  • gianni.selvidi@virgilio.it 18 febbraio 2018

    MA COME LA BONINO SI RICORDA DELLA CHIESA QUANDO GLI PARE SARA” PURE ATEA , ECCO CHE BELLA DIMOSTRAZIONE , SENZA VERGOGNA , VATTENE IN PENSIONE ?

  • merighifranco1@gmail.com 18 febbraio 2018

    Un ennesimo caso del disturbo borderline o boldrinline ?

  • spinnydan@gmail.com 18 febbraio 2018

    I fedeli ,che in quel momento si trovavano in chiesa, perché non sono usciti lasciando la signora a fare il comizio elettorale con Nostro Signore?

  • eleonora4198@virgilio.it 18 febbraio 2018

    non vado più alla messa grazie ai preti che invece di pregare e parlare di vangelo , fanno propaganda per il pd . mi fanno venire lo schifo . dove abito io purtroppo il giorno di pasqua sembrava di essere alla fiera mercato . tutti parlavano a voce alta , il prete parlava di pro pd che salvava i neri . un signore che conoscevo deve aver visto la mia faccia e mi ha detto ” non le piace vero ? troppo casino ” ho detto di sì e me ne sono uscita . posso pregare anche a casa mia e posso trovare piccole chiesette dove c’è pace e silenzio

  • cvetnich.vieri@libero.it 18 febbraio 2018

    Eeeh, quando c’è coerenza… La politica non è l’apolitica, come tirar fuori in tv frasi (peraltro assolute e condivisibili, ma oggi fuori moda) tipo quella che ho letto anni fa, firmata da tal “Musso” 1938-XVI, su un muro in Piemonte, circa diritti e doveri. Mah… “A cumannà è cchiu bbello che fo**ere”

  • faaddari@gmail.com 18 febbraio 2018

    Se alla Bonino, vera personificazione del male, venisse confermata la possibilità di usare un luogo sacro per la sua campagna elettorale sarebbe la conferma della spaventosa crisi in cui è precipitata la Chiesa cattolica o meglio la struttura curiale e profana della Chiesa stessa e soprattutto di come ormai i Pastori abbiano rinunziato alla missione loro affidata da Nostro Signore Gesù Cristo !!!

  • Giuseppe Forconi 18 febbraio 2018

    Con i comunisti si rasenta sempre il peggio.

  • Valagussa@lispa.it 18 febbraio 2018

    E alla fine del suo comizio pensa anche di dare della droga (perché di questo si tratta, non c’è leggera o pesante, é solo una) ai fedeli prima di uscire dal sacro luogo?

  • palloncin@depalloncini.it 18 febbraio 2018

    in italia tutti fanno il cacchio del comodo loro

  • caput.enrico@gmail.com 18 febbraio 2018

    Fra un pò la”grande italiana”(come l’ha definita bergoglio),arringherà i fedeli direttamente da S.Pietro!

  • mariby@virgilio.it 18 febbraio 2018

    Non è concepibile una cosa del genere . È come se il diavolo fosse invitato da Gesù a casa sua. Tutto i contrario di tutto. La confusione regna sovrana.

  • amerigo.lori@alice.it 18 febbraio 2018

    Nella sua bruttezza cerca di assomigliare a suor Teresa di Calcutta

  • luciferoverde@gmail.com 18 febbraio 2018

    Fanno solamente Schifo

  • Paolo Angioni 18 febbraio 2018

    Spero che sbarrino la porta della Basilica e non facciano entrare la Bonino. Spero nel cardinale Sepe.

  • lfp.cerrina@alice.it 18 febbraio 2018

    La liberta’ nucleo essenziale dell’esistere e della vita singola e comunitaria, e’ un “pezzo” del cuore di Dio che certamente ha accompagnato la Bonino, tenendola per mano e illuminandola nelle sue grandi battaglie di trasgressione ampia e figlia del nostro tempo preda del pressapochismo mediatico. La Bonino con i disguidi seri di salute, continua a portare avanti con serio impegno politico la battaglia contro gli oppressori della liberta’ tra i quali eccellono proprio quei soggetti un po’ troppo desueti, bigotti e, accaniti sostenitori della chiusura delle porte di importanti Basiliche Mariane.

    • carla.bondavalli10@gmail.com 18 febbraio 2018

      E tutti quei bambini cui ha tolto la prima forma di libertà quella di nascere?

      • paolaiesus@tin.it 19 febbraio 2018

        Mi dispiace moltissimo chiamarmi anch’io Paola, perché lei signora cerrina con quanto scrive più sopra diventa complice della satanica bonino, che conduce solo battaglie diaboliche CONTRO LA VITA E QUINDI CONTRO DIO!!!!

  • turamarco@yahoo.it 18 febbraio 2018

    Mala tempora currunt

  • mariosmanca35@gmail.com 18 febbraio 2018

    Ma a nessun “Pastore” è mai venuto in mente di lasciar parlare in chiesa un rappresentante di F.I. o di F.d.I. o della Lega. I soliti due pesi e due misure. Questa Bonino (di cognome, ma di fatto Malino, anzi Malone) che Dio se la porti via presto e ce ne liberi. Lei e tutte quelle come lei (Boldrini in testa).
    M.S.

  • ger59@tiscali.it 17 febbraio 2018

    Che schifo. Cosa non si fa per sfamarsi. Senza dignità lei e il prete/cardinale qualora lo concedesse. Sarebbe una vergogna ecclesiale.

  • alberto58s@alice.it 17 febbraio 2018

    se qualcuno riesce a farmi capire perchè viene boicottato il seguente evento me lo spieghi se ci riesce :
    Il concerto/convegno “Invertiamo la rotta” del 17 febbraio a Pavia con Povia e l’Avv. Amato è stato ANNULLATO.

    Queste sono le motivazioni della Diocesi di Pavia:

    L’incontro previsto per la sera di sabato prossimo, 17 febbraio, al Teatro dei Salesiani in Pavia con il cantante Giuseppe Povia e l’Avvocato Giancarlo Amato, promosso anche dal Servizio per la Pastorale Scolastica, è stato annullato e rimandato: essendo ormai in periodo di campagna elettorale, la Diocesi non ritiene opportuno promuovere un’iniziativa che potrebbe essere intesa quale appoggio a una forza politica che si presenta alle prossime elezioni.

    (http://www.diocesi.pavia.it/pavia/news_diocesane/00037126_Comunicato_della_Diocesi_di_Pavia_circa_l_incontro_con_Povia_e_Amato.html)

  • nedda.gile@gmail.com 17 febbraio 2018

    La Chiesa è un luogo di culto, ma è aperto a tutti … Anche agli “infedeli” … cioè a chi non professa la fede cattolica! Non si chiede la tessera all ingress! ??

    • maurocollavini@libero.it 19 febbraio 2018

      Ma permettere di usare a suo piacimento un luogo di culto mi sembra una profanazione sig.e Gilè e Cerrina. Anch’io sono quasi ateo, non credo nella chiesa ma solamente in un Dio ed il mio rapporto con lui lo riservo nella mia casa giardino orto etc.