Meloni: «Tutti parlano di Traini, io l’unica a chiamare la mamma di Pamela»

martedì 6 febbraio 17:49 - di Stefania Campitelli

Il no alle larghe intese e agli inciuci è una priorità assoluta che sarà il filo conduttore di una grande manifestazione di piazza (il 18 febbraio a Roma) aperta agli alleati. Dai microfoni di Rainews24 Giorgia Meloni ribadisce i paletti invalicabili di Fratelli d’Italia sul dopo voto: «Noi siamo l’unico partito indisponibile a fare inciuci, spero gli italiani ce lo riconoscano», dice ironizzando sul fatto che in queste ore, a meno di un mese dalle urne, tutti si dicono contrari all’ipotesi di grossa coalizione, che invece covano in segreto.

Meloni: siamo gli unici contro l’inciucio

«I governi si devono fare nelle urne, non nei palazzi – sottolinea – io non sono disponibile a governi che non fanno gli interessi degli italiani. O vince il centrodestra, unica coalizione in grado di farlo, o sarà il caos: non ci sono altre possibilità. Se non vinciamo noi, o ci sarà l’inciucio o si tornerà a votare. E tra queste due ipotesi, tornerei a votare tutta la vita».  Quanto alla baruffa subito rientrata con il Cavaliere, la leader di Fratelli d’Italia smentisce di essere “arrabbiata” con Berlusconi e rinnova l’invito. «Sono ancora in attesa, nella speranza che gli alleati ci siano il 18 febbraio – spiega – la manifestazione contro ogni inciucio comunque ci sarà, il mio invito è valido sino al giorno della manifestazione, se non verranno, gli italiani valuteranno». Poi torna a commentare i fatti drammatici di Macerata e conferma quanto già dichiarato nell’intervista a Lucia Annunziata sul colpevole silenzio delle cariche pubbliche sulla morte di Pamela: «Le più alte cariche sono insorte per condannare quanto fatto da Luca Traini, ma ci rendiamo conto che io ho chiamato la madre di Pamela, quella povera ragazza uccisa in quel modo, e lei mi ha detto “Signora, lei è stata l’unica a chiamarmi”?».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ROCCO MASTROCOLA 6 febbraio 2018

    Uno striscione di solidarietà con lo SQUILIBRATO che ha sparato all’impazzata FERENDO sei immigrati nella città dell’orrore è comparso nella serata di lunedì a Roma…….DA UN LATO C’E’ UNO QUILIBRATO CHE FERISCE, DALL’ALTRO C’E’ UN MENO SQUILIBRATO CHE FA A PEZZETTINI UNA RAGAZZA ……….E DI CUI SI PARLA MENO… EPPURE LA DECRIZIONE DEL MEDICO LEGALE E’ ORRENDA ED INIMMAGINABILE…eppure in Campo dei Fiori qualcuno è stato bruciato per molto meno- complimenti a Meloni

  • Laura Prosperini 6 febbraio 2018

    Ha ragione On.le Meloni,
    oggi il globalismo ci rende tutti disumani.
    Povera donna, la mamma di Pamela, è orribile ciò che è successo a sua figlia.
    Brava Meloni, senza il buon senso e la compassione per i più sofferenti non si va da nessuna parte.
    Laura