Meloni: «Oggi combattiamo i vigliacchi che vogliono oscurare le foibe»

È un attacco ad alzo zero. In un’intervista esclusiva con il direttore di Libero, Giorgia Meloni denuncia il clima da regime e l’intolleranza verso il centrodestra che sta avvelenando la campagna elettorale. «La sinistra usa il fascismo come coperta di Linus», dice riferendosi allo “scandalo” di Pontedera, il cui sindaco ha negato a Fratelli d’Italia il suolo pubblico per una manifestazione. «Questo è il frutto della presunta marea nera, della Legge Fiano. Siamo in piena emergenza democratica, usano il fantoccio del Fascismo per impedire agli avversari la campagna elettorale. Sapevamo benissimo che sarebbe finita così: c’è un rischio regime e sono basita dal silenzio del presidente Mattarella, della Boldrini e di Grasso. E dico a Minniti: noi manifesteremo a Pontedera, ci mandi pure le forze dell’ordine»

Meloni: usano il fascismo come una coperta di Linus

Ma il peggio è la sordina messa al Giorno del ricordo della tragedia delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata. «Il caso Macerata rischia di oscurare una ricorrenza molto sentita a destra, e altrettanto censurata a sinistra: le Foibe. Purtroppo c’è cascato anche Mattarella, che per ricordare quel dramma storico ha citato per sette volte il nazionalismo e una sola volta il comunismo. Alla fine anche questa sarà colpa della destra. Mi ha sorpreso, il presidente ha fatto una cosa alla Napolitano». E ancora: «Oggi la Patria ricorda i suoi figli perseguitati dalla ferocia del maresciallo Tito, massacrati nelle foibe, vittime della pulizia etnica anti-italiana e costretti a scappare dalla loro terra. Oggi i patrioti combattono i vigliacchi nemici dell’Italia  – scrive su Facebook la leader di Fratelli d’Italia –  vigliacchi he vorrebbero negare e nascondere questa tragedia».