Meloni: «Berlusconi ha detto no alle larghe intese? Bene»

«Gli italiani ora sanno che Forza Italia si dice disposta a un altro governo con Renzi, mentre Fratelli d’Italia no. Scelgano il prossimo 4 marzo quale opzione preferiscono». Con queste paroleLo scrive su Fb Giorgia Meloni, commentando le parole di questa mattina di Silvio Berlusconi. «Rimango basita di fronte alle parole di Silvio Berlusconi – esordisce la leader di Fdi – che apre alla possibilità di “coalizione allargata’” e dice che non parteciperà alla manifestazione del 18 febbraio promossa da Fratelli d’Italia a Roma per dire no agli inciuci. Ma è un atto di chiarezza».

Berlusconi ospite di Agorà su Raitre a precisa domanda aveva risposto che non sarebbe  andato alla manifestazione anti-inciucio del 18 febbraio voluta da Giorgia Meloni: «Sono contrario alla parola inciucio. In Germania c’è da 70 anni. Distinguiamo tra un accordo di fronte a tutti e un accordo segreto tra partiti: a quello si può dare il nome ‘inciucio’. Ma comunque – aveva aggiunto- non ci sarà bisogno di coalizioni allargate perché gli italiani sono persone di buon senso e ci daranno la maggioranza».

«Bene la precisazione di Silvio Berlusconi sul no alle larghe intese», è la replica di Giorgia Meloni. «Su questo punto non possono esserci ambiguità di nessun tipo. Per questo, però, non comprendo l’indisponibilità a partecipare a una manifestazione che intende ribadire esattamente questo: che non ci saranno i nostri voti per un governo con la sinistra», argomenta Giorgia Meloni, dopo l’altolà all’ex premier sulle larghe intese post voto. «Quindi – prosegue la leader di Fdi – rinnovo il mio invito alla manifestazione del 18 febbraio a Roma. In quella sede tutti i nostri candidati si impegneranno solennemente a non tradire il voto degli italiani, rafforzerebbe la credibilità della coalizione se a questa iniziativa partecipassero anche i candidati degli altri partiti di centrodestra».