Meloni: «Berlusconi ha detto no alle larghe intese? Bene»

lunedì 5 febbraio 12:50 - di Redazione

«Gli italiani ora sanno che Forza Italia si dice disposta a un altro governo con Renzi, mentre Fratelli d’Italia no. Scelgano il prossimo 4 marzo quale opzione preferiscono». Con queste paroleLo scrive su Fb Giorgia Meloni, commentando le parole di questa mattina di Silvio Berlusconi. «Rimango basita di fronte alle parole di Silvio Berlusconi – esordisce la leader di Fdi – che apre alla possibilità di “coalizione allargata’” e dice che non parteciperà alla manifestazione del 18 febbraio promossa da Fratelli d’Italia a Roma per dire no agli inciuci. Ma è un atto di chiarezza».

Berlusconi ospite di Agorà su Raitre a precisa domanda aveva risposto che non sarebbe  andato alla manifestazione anti-inciucio del 18 febbraio voluta da Giorgia Meloni: «Sono contrario alla parola inciucio. In Germania c’è da 70 anni. Distinguiamo tra un accordo di fronte a tutti e un accordo segreto tra partiti: a quello si può dare il nome ‘inciucio’. Ma comunque – aveva aggiunto- non ci sarà bisogno di coalizioni allargate perché gli italiani sono persone di buon senso e ci daranno la maggioranza».

«Bene la precisazione di Silvio Berlusconi sul no alle larghe intese», è la replica di Giorgia Meloni. «Su questo punto non possono esserci ambiguità di nessun tipo. Per questo, però, non comprendo l’indisponibilità a partecipare a una manifestazione che intende ribadire esattamente questo: che non ci saranno i nostri voti per un governo con la sinistra», argomenta Giorgia Meloni, dopo l’altolà all’ex premier sulle larghe intese post voto. «Quindi – prosegue la leader di Fdi – rinnovo il mio invito alla manifestazione del 18 febbraio a Roma. In quella sede tutti i nostri candidati si impegneranno solennemente a non tradire il voto degli italiani, rafforzerebbe la credibilità della coalizione se a questa iniziativa partecipassero anche i candidati degli altri partiti di centrodestra».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Federico Covella 8 febbraio 2018

    Se come alternativa alla vittoria schiacciante ci sono le Larghe intese, significa che la sisurezza nella vittoria non e’ sicura, l`insicurezza e’ contagiosa. Le larghe intese non van considerate. Si riva’ al voto.

  • vittorio sciullo 6 febbraio 2018

    sono sempre più convinto che Alfano e compagnia non erano dei traditori (cosa per la quale ci vuole anche un po di coraggio) ma semplici emissari (per la quale attività non serve il coraggio ma la garanzia di protezione del mandante).
    c’è quas da provare piacere per le pive nel sacco lasciate al mandante dalle promesse di qualche magistrato che in Europa lo avrebbero rimesso in corsa per tempo;

  • Anna Maria Innocenzi 6 febbraio 2018

    Bene, finalmente anche Berlusconi cala la maschera, è bene che stia succedendo adesso!

  • Fausto 6 febbraio 2018

    BENE, NEL CASO NON VI SIANO I NUMERI SI TORNI A VOTARE

  • Mauro 6 febbraio 2018

    Cara Giorgia ho sempre sostenuto che, se vogliamo cambiare l’Italia, tu e Salvini sareste dovuti andare alle elezioni senza unirvi a Forza Italia: Abbiamo già visto chi ha imbarcato Forza Italia, Cesa, Nitti etc. gente che aveva sputato in faccia alcuni anni fà, gente che era fuoriuscita da Forza Italia, gente che starebbe meglio a casa perchè non rappresente nessuno tranne se stessi. Successivamente avreste dovuto allearvi con il m5s ed insieme fare tutte quelle cose che il popolo verrebbe e che magari anche a Leri non piace. ( Togliere i vitalizi presenti, passati e futuri, diminuire lo stipendio degli onorevoli ed in generale di tutti i politici, dimezzare gli stipendi dei dirigenti pubblici e dei lavoratori di camera e senato, non dare più un cavolo agli immigrati, dimezzare le pensioni d’oro e senza contributi versati, che sono un vero e proprio furto, riaprire le case chiuse per la prostituzione controllata, cambiare le leggi in fatto di sicurezza, mettere in galera coloro che ci hanno portato all’attuale debito pubblico ed infine rispedire a casa loro i clandestini promuovendo in seno all’Onu politiche di aiuto in favore dei paesi africani). Crede Lei che con Berlusconi potrà essere fatto tutto questo? Io non credo e scommetto che il vostro governo durerà molto poco e succederà qualcosa come alcuni anni fà quando vi sostituirono con Monti.

  • antonio 6 febbraio 2018

    Cara Giorgia Meloni, tu ti fidi di quello che dice Berlusconi? se ti fidi fai male! te lo dice uno che l’ha votato sempre dal 1994 al 2006, finchè non mi sono reso conto che è un signor nessuno,incapace di mantenere le promesse e che ha distrutto quel poco di democrazia liberale che c’era bloccando le liste dei candidati.Tu e Salvini fareste meglio ad andare da soli, intanto con lui perderete la faccia.Per me queste elezioni sono solo il referendum sullo jus soli e mi comporterò di conseguenza.

    • NO EURO NO EUROPA 6 febbraio 2018

      Condivido e aggiungo Tasse al 10% con detrazione delle spese produttive e taglio spesa pubblica coerente con le minori entrate, eliminando i posti dei parassiti di stato, iniziando dalle partecipate.

      Mauro
      6 febbraio 2018 – 08:47

      Cara Giorgia ho sempre sostenuto che, se vogliamo cambiare l’Italia, tu e Salvini sareste dovuti andare alle elezioni senza unirvi a Forza Italia: Abbiamo già visto chi ha imbarcato Forza Italia, Cesa, Nitti etc. gente che aveva sputato in faccia alcuni anni fà, gente che era fuoriuscita da Forza Italia, gente che starebbe meglio a casa perchè non rappresente nessuno tranne se stessi. Successivamente avreste dovuto allearvi con il m5s ed insieme fare tutte quelle cose che il popolo verrebbe e che magari anche a Leri non piace. ( Togliere i vitalizi presenti, passati e futuri, diminuire lo stipendio degli onorevoli ed in generale di tutti i politici, dimezzare gli stipendi dei dirigenti pubblici e dei lavoratori di camera e senato, non dare più un cavolo agli immigrati, dimezzare le pensioni d’oro e senza contributi versati, che sono un vero e proprio furto, riaprire le case chiuse per la prostituzione controllata, cambiare le leggi in fatto di sicurezza, mettere in galera coloro che ci hanno portato all’attuale debito pubblico ed infine rispedire a casa loro i clandestini promuovendo in seno all’Onu politiche di aiuto in favore dei paesi africani). Crede Lei che con Berlusconi potrà essere fatto tutto questo? Io non credo e scommetto che il vostro governo durerà molto poco e succederà qualcosa come alcuni anni fà quando vi sostituirono con Monti.

  • Antonino Frisone 6 febbraio 2018

    Poi alla fine c’è il rischio che venga voglia, il 4 marzo, di non uscire di casa!!!!