Macerata, Calderoli: «Oseghale sarebbe già fuori dal carcere se avesse un domicilio»

«Ma cosa sta succedendo nella nostra giustizia dove ormai non vai più in galera nemmeno per un omicidio?». Lo domanda il vice presidente del Senato, Roberto Calderoli, riferendosi ad alcuni casi recenti di cronaca nera. «In Liguria – ricorda l’esponente della Lega – un 15enne, che ha massacrato a coltellate un uomo, eviterebbe il processo se si impegna a terminare gli studi?».

«In Friuli il 36enne che ha ucciso a luglio, dunque sette mesi fa, la fidanzata 21enne se ne va a casa ai domiciliari. E il nigeriano che a Macerata ha smembrato la povera Pamela sarebbe già ai domiciliari se avesse un domicilio con tutti i requisiti, ma è questione di pochi giorni e poi anche lui andrà fuori dal carcere, dovendo rispondere di reati secondari come l’occultamento e il vilipendio di cadavere».

«La giustizia per essere tale – conclude Calderoli -deve punire chi commette i reati e punire in modo adeguato chi commette i reati più feroci e aberranti, come uccidere o tagliare a pezzi una ragazza»i.