L’Ugl: l’obolo ai dipendenti pubblici elargito solo in chiave elettorale

”È del tutto fuori luogo il termine soddisfazione da parte del Governo e delle sigle sindacali in merito al rinnovo del contratto di lavoro delle Funzioni locali o, come si preferisce dire, degli Enti locali”. Lo dichiara Augusto Ghinelli, responsabile Dipartimento Funzione Pubblica dell’Ugl, rimarcando come ”invece sia per noi dell’Ugl un’ulteriore riprova della poca considerazione che viene riservata ai lavoratori pubblici. Anche questo rinnovo contrattuale è avvenuto dopo 9 anni di attesa, anche in questo caso gli 85 euro sono lordi e di conseguenza appaiono più come un obolo che come un dignitoso aumento contrattuale”. ”Occorre ricordare inoltre che i dipendenti dei Comuni e delle Province, nella classifica stipendiale della Pubblica amministrazione, si trovano agli ultimi posti e con il rinnovo appena siglato a comparto unico resteranno in fondo alla classifica ancora per svariati anni”, prosegue. ”A questo punto, la soddisfazione per la firma del ccnl delle Funzioni Locali – conclude Ghinelli – può avere fondamento solo se messa in relazione all’approssimarsi delle elezioni politiche”.