L’aggressore di Ursino agghiacciante su Fb: «Non ci ferma nessuno. Avanti Antifà»»

«Ed eccoci di nuovo qua, alla faccia di chi ci vuole male!». Fa il gradasso. Senza ritegno, senza vergogna, su Facebook, Gianmarco Codraro, uno degli antagonisti dei centri sociali,  autore della violenta aggressione del leader di Forza Nuova, Massimo Ursino, arrestato e già scarcerato, ora è libero. Libero anche di postare il suo “sfregio” via social, irridere e incitare a nuova violenza. «Non posso fare altro che mandare un abbraccio ed un ringraziamento a tutte le mie compagne e i miei compagni, all’avvocato Giorgio Bisagna, a chi in vario modo ci ha sostenuto e a chi ha espresso solidarietà e vicinanza – scrive ancora Codraro – E, infine, un ringraziamento alle migliaia di antifascisti che ieri hanno riempito le strade di Palermo. Quello che si doveva dimostrare, ancora una volta, si è dimostrato. Non ci ferma nessuno. Avanti Antifa». Avanti tutta coi pestaggi, con la violenza, con i tentati omicidi poi “alleggeriti” in lesioni gravi. “Non ci ferma nessuno”: certo non è stato fermato dai giudici.  Codraro ha potuto lasciare il carcere dopo la decisione del gip di Palermo Roberto Riggio che, accogliendo la richiesta del legale Giorgio Bisagna, ha derubricato il reato da tentato omicidio a lesioni gravi. Ora è libero di istigare alla violenza e alla caccia al fascista e bridare insiemeai suoi degni sodali. Avanti il prossimo. I commenti su Fb dei suoi kompagni sono anche più agghiaccianti del suo post.