Le Forze Armate italiane donano medicinali alla clinica infantile di Mogadiscio

mercoledì 28 febbraio 12:20 - DI Roberto Mariotti

Un altro importante atto delle nostre Forze Armate. Che restano un punto di riferimento in qualsiasi qualsiasi territorio siano chiamate ad agire. A seguito del tragico attentato avvenuto lo scorso 23 febbraio a Mogadiscio, i militari italiani della cellula Cimic (Cooperazione Civile Militare) dell’Italian National Support Element (Nse) della missione Eutm Somalia, a guida italiana dal 2014, hanno donato uno stock di medicinali a favore di una clinica per madri e per bambini nel distretto di Shangani presso il centro della città di Mogadiscio. La donazione, tesa a supportare le attività mediche svolte gratuitamente dall’ambulatorio, si inserisce in un più ampio panorama di progetti a sostegno delle autorità locali sviluppati, sin dal 2014, dai militari italiani nel quadro dei rapporti bilaterali tra Italia e Somalia.

Alla cerimonia di donazione erano presenti il Comandante dell’Nse, il Direttore della clinica, vari rappresentanti del Ministero della Sanità e la vicesindaco di Mogadiscio delegata agli affari sociali. In particolare quest’ultima ha ringraziato il contingente italiano per il costante aiuto offerto ai suoi concittadini evidenziando quanto il contributo del popolo italiano, sempre tempestivo e costantemente indirizzato alle fasce deboli della popolazione, sia una concreta testimonianza del supporto che i militari italiani da sempre forniscono alle autorità somale.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi