L’Aquila, intitolata una rotonda ai martiri delle Foibe e agli esuli italiani

Da oggi c’è un nuovo luogo pubblico in Italia intitolato al sacrificio e alle sofferenze degli istriani e giuliani-dalmati. Questo luogo si trova a l’Aquila, dove il Consiglio comunale ha approvato l’intitolazione una rotonda ai martiri delle Foibe e agli esuli italiani delle terre del Nordest. «Oggi -si legge in un comunicato dei consiglieri comunali di l’Aquila futura, Luca Rocci e Roberto Santagelo – è stato approvato in consiglio comunale, con 19 voti favorevoli, il nostro ordine del giorno per intitolare la rotonda all’incrocio tra S.S. 17 e Via Ugo Piccinini in ricordo degli “Italiani Martiri delle Foibe e degli esuli Istriani, Giuliano-Dalmati”, attraverso la deposizione nel giardino della stessa rotonda di una pietra carsica dotata di una apposita targa».  «Il giorno del Ricordo – sottolineano i due consiglieri comunali aquilani – è stato istituito dal Parlamento per ricordare una pagina angosciosa che ha vissuto il nostro paese nel Novecento. Una tragedia provocata da una pianificata volontà di epurazione su base etnica e nazionalistica che è rimasta nell’oblio per troppo tempo. Le stragi, le violenze, le sofferenze patite dai nostri concittadini non possono essere più dimenticate, sminuite o rimosse. Esse fanno parte a pieno titolo dalla nostra storia e ne rappresentano un capitolo incancellabile». «Ci auguriamo – concludono  Rocci e Santangelo – che questo sia uno spunto importante soprattutto nei confronti dei più giovani, perché, per non dimenticare, è fondamentale che, soprattutto questi ultimi, studino la storia con le sue luci e le sue ombre, con le contraddizioni e le vergogne, perché è proprio agli studenti di oggi che è dato il compito di non dimenticare mai e di riattaccare le pagine strappate dal grande libro della storia nazionale. A chi allora lasciò tutto, spesso anche la vita, per continuare ad essere Italiano, crediamo che sia più che giusto dare il ricordo che merita».