L’ambasciata Usa a Gerusalemme nel giorno dell’indipendenza d’Israele

venerdì 23 febbraio 18:29 - DI Redazione

Gli Stati Uniti hanno programmato per il prossimo 14 maggio il trasferimento dell’ambasciata in Israele a Gerusalemme. La data coincide con il 70esimo anniversario della dichiarazione d’indipendenza di Israele. Nella stessa data, nel 1948, il presidente Harry Truman riconobbe ufficialmente lo stato di Israele. Lo riferisce Axios, citando fonti ufficiali statunitensi. Intanto si apprende che l’amministrazione Trump ha quasi completato un piano di pace per il Medio Oriente. Lo ha dichiarato l’ambasciatore americano all’Onu, Nikki Haley. “Penso lo stiano finendo” – ha affermato durante un incontro all’Istituto Politico dell’Università di Chicago – stanno arrivando con un piano. Non sarà amato da entrambe le parti e non sarà odiato da entrambe le parti”. Incalzata da David Axelrod, ex collaboratore di Barack Obama oggi direttore dell’Istituto universitario, la Haley non ha chiarito se la proposta comprende una soluzione con due Stati. “Tocca a loro decidere”, ha detto, riferendosi a israeliani e palestinesi. “È difficile per me pensare come potrebbero volere” un solo Stato, ha però detto, aggiungendo che le parti premono ” verso i due Stati”. La Haley non ha fornito indicazioni neanche sui tempi, spiegando che i negoziatori americani Jared Kushner e Jason Grenblatt “continuano a fare avanti e indietro” con il Medio Oriente. Le affermazioni della Haley sembrano confermare che l’amministrazione Trump procede con l’intenzione di presentare un piano di pace, anche se i rapporti con i palestinesi appaiono gravemente danneggiati dal riconoscimento americano di Gerusalemme capitale d’Israele ai primi di dicembre.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *