La violenza viene solo da sinistra: neanche Salvini può parlare, scontri a Pisa (video)

venerdì 23 febbraio 18:30 - DI Redazione

Ci risiamo: nonostante il ministero degli Interni minimizzi il pericolo e mentre il governo grida al “pericolo fascista”, le violenze e le intolleranze vengono sempre e solo da sinistra, come i gravissimi fatti di questa caldissima campagna elettorale dimostrano: sono i centri sociali, gli antagonisti, insomma l’estrema sinistra, quelli che impediscono con la forza alle forze politiche non gradite di aprlare e di tenere legittime manifestazioni. Oggi sta accadendo a Pisa, come poche ore prima a Livorno, dove qualche centinaio di violenti hanno improvvisato un corteo contro la presenza in città del leader della Lega Matteo Salvini. Appena ieri i centri sociali avevano devastato Torino e ferito sei agenti, e nei giorni scorsi queste scene selvagge si sono ripetute un po’ dovunque, da Napoli a Genova, da Roma a Piacenza, dove i violenti della sinistra hanno massacrato un carabiniere che era caduto. La cosa drammatica è che il Pd e i suoi alleati vanno cercando il pericolo fascista, Fiano presenta leggi per proibire di vendere i gadget con la testa del Duce, e la Boldrini ogni giorno urla allo squadrismo fascista. Qua di squadrismo fascista non si vede neanche l’ombra, mentre si vedono chiaramente e quotidianamente i teppisti rossi distruggere le nostre città e aggredire con ogni tipo di arma le forze dell’ordine. A Pisa, nelle vie del centro, ci sono stati lanci di bottiglia, di pietre, vetrine infrante, cariche della polizia, e almeno sette persone sono state fermate. Gli antagonisti indossavano caschi e brandivano bastoni. Si sta chiarendo anche l’aggressione dei centri sociali a Perugia, dove militanti di CasaPound sono stati aggrediti a bastonate mentre stavano affiggendo manifesti, come dimostrano le indagini della questura. Finché la sinistra non imparerà che tutti hanno diritto di parlare, questa nazione non si riprenderà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • an.marconcini@gmail.it 23 febbraio 2018

    Che dispiacere vedere tanta violenza nella mia Pisa ,città universitaria aperta al mondo e ai giovani studenti provenienti da tutta Italia e dall’estero, città delle eccellenze Normale e Sant’Anna,ricca di storia ,arte ,cultura.Per i signori che oggi hanno paralizzato e terrorizzato il centro storico tutti coloro che non la pensano come loro sono fascisti e come tali vanno neutralizzati e silenziati in ogni modo Queste persone ci dimostrano un giorno si e uno no quanto sia profondo il loro concetto di democrazia.Dalle immagini si nota chiaramente che per la maggior parte si tratta di studenti che sicuramente fuori corso frequenteranno per il decimo anno consecutvo il secondo anno di studi.Ebbene se non avete voglia di studiare finitela di farvi mantenere dai vostri genitori , tornate a casa e soprattutto iniziate a comportarvi in maniera civile rispettando il pensiero altrui delinquenti che non siete altro.