La Russa: antagonisti come jihadisti, per loro certezza della pena

”Come nei peggiori attacchi terroristici di matrice jihadista, in nome di un anacronistico antifascismo, i centri sociali tirano contro le Forze dell’ordine, bombe carta contenenti chiodi. Chi sottovaluta questi episodi, chi li minimizza e chi politicamente li appoggia, è complice di questi criminali. Fratelli d’Italia pretende anche per tutti questi balordi, la certezza della pena. Da parte mia, esprimo la mia vicinanza e la mia solidarietà ai poliziotti feriti e a tutti i loro colleghi”. Lo dichiara Ignazio La Russa, deputato di Fratelli d’Italia.

Interviene anche il sindaco di Torino Chiara Appendino: “Lanciare bombe carta contenenti schegge metalliche è un gesto criminale. Mi auguro che gli agenti feriti, ai quali va la solidarietà di tutta la Città di Torino, possano rimettersi quanto prima”, dice il sindaco di Torino, Chiara intervenendo sugli scontri di sera durante il corteo antifascista promosso contro un’iniziativa elettorale Casapound nei quali sono stati feriti alcuni agenti di polizia.  “Auspico altresì che i responsabili di un gesto tanto vile siano quanto prima individuati e consegnati alla giustizia. Fatti di tale gravità non devono più ripetersi. Torino, medaglia d’oro alla Resistenza, è una città non violenta e tale deve restare”, aggiunge la prima cittadina del capoluogo piemontese. Da parte sua l’Osservatore Romano racconta gli scontri avvenuti ieri a Torino. “Un corteo di oppositori ha tentato a più riprese di raggiungere la sede di CasaPound, lanciando pietre, bottiglie e anche bombe carta con schegge di metallo contro la polizia. Negli scontri sono rimasti feriti sei agenti, mentre due manifestanti, giovanissimi, sono stati trattenuti in stato di fermo”, registra il quotidiano d’Oltretevere. Il quotidiano della Santa Sede ricorda che “poco prima di questi fatti, il presidente del consiglio, Paolo Gentiloni, aveva parlato dei gravissimi episodi di violenza politica che sono successi nei giorni scorsi in altre località italiane: nel pieno della campagna elettorale per il voto del 4 marzo, c’è stata un’aggressione a Palermo contro un esponente di Forza Nuova e una a Perugia contro un militante di Potere al popolo. Gentiloni ne ha attribuito la responsabilità a minoranze sparute, delle quali ‘va impedito il contagio”