La rabbia dei poliziotti: “Vergogna Amnesty. Perché non filmano chi ci tira le bombe?”

domenica 25 febbraio 13:29 - DI Redazione

L’indignazione delle forze di Polizia contro l’ultima campagna di Amnesty international è altissima: i “pacifisti” della Ong hanno in realtà aizzato tensioni e malumori per l’ultima alzata d’ingegno di seguire il corteo dell’Anpi per filmare il comportamento della polizia e censurare eventuali violazioni dei diritti umani. Sembra un paradosso, un assurdo. Proprio loro, gli agenti, aggrediti, picchiati puntualmente. “Se proprio vogliono riprendere qualche violazione dei diritti umani – commenta Domenico Pianese, segretario generale del Coisp al Giornale- allora pensino a immortalare i criminali che lanciano bombe carta piene di schegge ai poliziotti”. Del resto, ci sono video e immagini a denunciare gli episodi dello  scorso 10 febbraio a Piacenza, per rimanere ai casi di stretta attualità. Già, in quei casi i volontari di Amnesty non ci sono.
Sul profilo ufficiale della Polizia di Stato è apparso anche un tweet ironico: “Alla manifestazione promossa dall’Anpi presenti osservatori di Amnesty Italia contro violazioni diritti umani. Dopo violenze subite a Piacenza e a Torino le Forze dell’Ordine si sono sentite tutelate”. “I soliti ‘pacifisti’ tentano da giorni di ammazzare qualcuno in divisa – tuona Pianese – e c’è chi non esita a soffiare sul fuoco dell’odio verso le forze dell’ordine”. Da qui l’invito del sindacato a “ritrovare un po’ di senso della vergogna”

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • francescogagliardi@hotmail.it 6 marzo 2018

    Con i proventi ricavati dalle attività, sequestrati alle organizzazioni criminali, si possono dotare di mezzi e materiali adeguati a tutte le forze dell’ordine.

    • Tonycooper@libero.it 1 marzo 2018

      E’ assolutamente ciò che penso anch’io.
      Con l’occasione si esplicita:

      MI HANNO INSEGNATO

      Mi hanno insegnato:
      -che ad ogni gentilezza, bisogna rispondere con una gentilezza;
      -che ad ogni saluto, bisogna rispondere con un saluto;
      -che ad ogni cenno di buona educazione, bisogna rispondere con un cenno di altrettanta;
      -ad ogni buona azione rispondere con un’altra buona azione;
      -mi han insegnato inoltre che… ad ogni sorriso, corre l’obbligo di porgerne un’altro;
      -?Non mi hanno insegnato “però”, come si fa a rispondere alla strafottenza ed alle cattive azioni !!!
      ….ma non ha alcuna importanza, penso che a questo,chi la perpetra, si possa rispondere da solo!?
      P.s.: SE NON LO FANNO PERO’, STIAMO
      PARLANDO O DI SELVAGGI O DI BESTIE – no societas-

  • giorgio.precetti@alice.it 26 febbraio 2018

    Ci mancavano anche quei mangia sughi di amnesty. A lavorare dovete andare sfaticati.

  • laurabovati@yahoo.it 26 febbraio 2018

    Onore alle nostre forze dell’ordine che danno la vita per proteggerci nonostante mai nessuno difenda loro. Amnesty: VERGOGNA!!!

  • luciano.vignati@teletu.it 26 febbraio 2018

    Purtroppo la gente si deve rendere conto che quando girano tantissimi soldi, le ONG ( e Amnesty international fa parte della categoria) si trasformano in multinazionali con tutti i difetti delle stesse. Stipendi altissimi, faziosità di parte, arruolamento di mercenari, sprechi in pubblicità e altre amenità delinquenziali. Io da tempo ho smesso di donare soldi a codeste associazioni di stampo affaristico da quando ho letto il libro “L’industria della carità” di Valentina Furlanetto ed. Chiare Lettere che raccomando a tutti coloro che vogliono rendersi conto della situazione.

    • pesentiferruccio@gmail.com 26 febbraio 2018

      basta non fare donazioni , senza soldi muoino

  • chiarinil@racine.ra.it 26 febbraio 2018

    Robe dell’altro mondo, un ONG che difende i delinquenti dalle nostre F.O. Questo sistema è boldrinismo, parificabile alle mafie più spietate, per paradosso sovvenzionate con soldi pubblici, un saluto romano a tutta la polizia e carabinieri

    • luca7171_2@libero.it 26 febbraio 2018

      tutte cazzate la polizia e’ vigliacca mena senza pieta’ poi quando ci capita il tosto

      • giovannimoscogiuri@virgilio.it 26 febbraio 2018

        A te hanno menato mai?

      • Winwinds@inwind.it 27 febbraio 2018

        Si vede che te le meritavi. Le meriteresti anche adesso a dire il vero perché sei un viscido.

  • giovanni.gesia@comune.sangiulianomilanese.mi.it 26 febbraio 2018

    SOLO LA DESTRA, HA SEMPRE ESPRESSO SOLIDARIETA’ ALLE FORZE DELLì’ ORDINE QUANDO SUCCEDONO QUESTE PORCATE CHE SOLO IN ITALIA SUCCEDONO, CON LA COMPLICITA’ DEI governi catto-comunisti.. SPERO CHE LA DESTRA ARRIVI SUBITO AL GOVERNO PER RIDARE DIGNITA’ ALLE FORZE DELL’ORDINE E POTERE PER RIPULIRE DA TUTTO IL MARCIUME CHE I governi rossi HANNO FATTO ARRIVARE IN ITALIA…….!!!!!…..

  • eliofil@tin.it 26 febbraio 2018

    Il massimo rispetto a Carabinieri e Polizia che fanno onore al loro dovere di difesa dei cittadini. Massima severità contro coloro che, nascosti dietro caschi, sciarpe e quant’altro, in netta violazione delle regole, li attaccano con mezzi estremamente violenti ed illegali come le bombe carta con chiodi. I cittadini onesti stanno dalla parte di Carabinieri e Polizia.

  • gdetoffoli@yahoo.it 26 febbraio 2018

    Come farebbero certe associazioni nazionali o di più alto livello a ‘pretendere’ finanziamenti costanti per importi da capogiro per auto-pagarsi, se non mettessero sotto pressione di volta in volta lo stato in quel momento più ‘mungibile’ ? come vediamo platealmente non vanno in cina, o russia, india, turchia, bolivia, o in molti (la maggior parte) delle realtà nazionali africane di cui parlano ma standone a debita distanza? Semplice, sanno benissimo che quegli stati gli riserverebbero un ‘trattamento’ di prim’ordine sbattendosene altamente di chi sono e cosa chiedono! Il problema deriva dalla debolezza ipocrita di certi stati più propensi a pagare le tangenti milionarie per sequestri di navi o per gli uomini dello stato che hanno sequestrato paesi, a cui questi estorsori sono tanto affezionati ! Dobbiamo imparare a trattarli da delinquenti quali sono. Con i loro stessi sistemi ! -Rispetto e riconoscimenti veri, a tutte le forze dell’ordine e forze armate del Paese Italia-. Che queste ”organizzazioni” minaccino preventivamente il paese per mezzo delle sue forze dell’ordine, che entrino in un stato con videocamere per manipolare giudizi di parte contro le azioni di difesa dello stato medesimo da terroristi o criminali che lanciano bombe a frattura, anche se artigianali; sono da arrestare all’ingresso o alla presenza in paese appena noti, altro che chiacchiere! Ti togli queste zecche dai piedi in tempo breve e senza fargli inquinare le elezioni, già perché è questo il loro obiettivo !

  • cvetnich.vieri@libero.it 26 febbraio 2018

    SOLIDALE CON LE FORZA DELL’ORDINE.

  • maxbosi19@gmail.com 26 febbraio 2018

    In un paese CIVILE, ma non è il nostro caso (per ora), chiunque si ribelli a un poliziotto finisce in galera, e ci resta un pò di tempo a meditare!! Da noni chi mena un poliziotto è un partigiano… ma per favore.. non ne posso più di questo buonismo di facciata.. rivoglio la celere.. me lo ricordo il ’68.. bastavano due camionette della celere a mettere in riga i barbudos.. W LA CELERE!

  • francesco-matarazzo@live.it 26 febbraio 2018

    Non vi preoccupate: amnesty è solo una grande puttanata tipo ONU per intenderci (che non è mai servita a niente)

  • roccoangela60@yahoo.it 26 febbraio 2018

    Le forze dell’ordire devono essere tutelate perché la nostra sicurezza dipende da loro.Sono certa che il prossimo governo di centro destra ridara dignità e giustizia a questi nostri eroi che devono difendersi da questi esaltati di sinistra.

  • lamberto.lari@hotmail.it 26 febbraio 2018

    Indipendentemente dai filmati di qualche ong sponsorizzata, dove sono i filmati che riprendono gli antagonisti (che visto il comportamento dovrebbero essere parificati ad attentatori alla sicurezza e alla vita di tutti, forze dell’ordine comprese) che picchiano con spranghe e bastoni, lanciano bottiglie e sassi oltre a bombe carta piene di schegge ec…! Alle manifestazioni vedo tante persone che fanno foto e filmati..basterebbe inviarli a tante TV private o anche a carattere nazionale, certamente (aggiungo fortunatamente) qualcuno che ha il coraggio di mandarli in onda c’è ancora, in nome della democrazia.

  • marimanzo@gmx.net 26 febbraio 2018

    E meno male che ci siete VOI a difenderci in un paese dove non si vive piu’ tranquilli.
    Grazie di cuore…e speriamo che nel prossimo futuro avrete piu’ onore e sostegno dai politici.

  • enzoclerico@libero.it 26 febbraio 2018

    Siamo indignati, le forze di Polizia che ci sostengono e ci difendono da ladri, mafiosi, antifascisti, politici corrotti, teppisti dei centri sociali che tengono in piedi i governi di sinistra, non meritano tanto disonore. Coraggio forze dell’ordine, l’Italia mai come oggi è con Voi. Il 5 marzo sarà il giorno della vostra riscossa. Grazie, e non curatevi di intrighi di basso profilo architettati da certe organizzazioni pseudo umanitarie.

  • annamaria.filosa@gmail.com 26 febbraio 2018

    non posso credere che un organo così imprtante venga a bacchettare noi e i nostri ragazzi che non fanno altro che il loro lavoro….che è reso vano perchè alla fine vengono scarcerati oppure nemmeno messi in galera coloro che si rendono colpevoli di mettere le mani su una divisa….Amnesty

  • luca.ruberti@gmail.com 26 febbraio 2018

    Vergogna tutta italiana, buffoni buonisti che sguazzano alle spalle degli idioti nostrani che li sostengono.
    Cancellare Amnesty e girare i fondi alla Polizia di Stato!

  • brunopaterno@icloud.com 26 febbraio 2018

    Un grande solidale abbraccio

  • brunopaterno@icloud.com 26 febbraio 2018

    Un grande abbraccio

  • sicurezzadellav2006@libero.it 26 febbraio 2018

    Onore, plausi e più soldi alle stupende forze dell’ordine a cui chiedo perchè non vengano usati con gli idranti liquidi colorati per consentire una più facile identificazio0ne di quei delinquenti

  • cerreto1@gmail.com 26 febbraio 2018

    Amnesty organizzazione politica di sinistra che ha fatto sempre schifo. VIVA LE FOZE DELL’ORDINE!!

  • marburga@hotmail.it 26 febbraio 2018

    purtroppo questa è la filosofia politica !! mal pagati senza vestiario adeguato alle stagioni e guai a toccare un delinquente si hanno brutte sorprese devi pagarti l’avvocato per difendere il tuo giusto operato !! Speriamo che a presto tutto questo venga dimenticato e mi auguro di respirare aria nuova

  • liber21@alice.it 25 febbraio 2018

    Amnesty International si è iscritta da tempo al partito anti-forze dell’ordine. Deve vergognarsi e deve vergognarsi anche chi la sostiene. I cittadini onesti sanno da che parte stare. E quando da una manifestazione escono 6 agenti feriti e nessun ferito tra i manifestanti violenti è lo Stato che perde.

  • maurizio.faro@live.it 25 febbraio 2018

    Onore alle forze dell’ordine che ci difendono e si difendano
    Da una violenza ingiustificabile e per pochi soldi al mese e senza risorse a disposizione.

  • Sanrambrogio27@gmail.com 25 febbraio 2018

    Grazie ragazzi per tutto quello che fate per gli Italiani onesti mettendo in gioco la vostra vita. Sarò sempre con Voi, nella speranza che i centri sociali e il comunismo venga vietato in ogni sua forma.

  • antonino.luongo@libero.it 25 febbraio 2018

    ONORE ALLE FORZE DI POLIZIA!!!!!

  • 25 febbraio 2018

    Sono con voi 100% avete un lavoro molto duro, ma vi sopportiamo e si spera per un cambiamento enorme co le nuove elezioni…Grazie, grazie!!!

  • gdetoffoli@yahoo.it 25 febbraio 2018

    Gli agitprop della candela sono identificabili abbastanza bene, quindi studiate il vecchio volpone cossiga ed …… imparate a gestirveli, sopratutto i francesi.

  • marcelloparsi@alice.it 25 febbraio 2018

    Amnesty International, organo mondialista – parola che io considero un insulto – da sempre schierata dalla parte di Caino (“nessuno tocchi Caino”!), è pronta a bacchettare Polizia e Carabinieri, italiani se non si lasciano massacrare passivamente dai criminali politici, che sono costretti a fronteggiare nello svolgimento del loro dovere. Che schifo!