La polemica: due o tre cose che sappiamo sull’uranio impoverito…

Ciclicamente  ritorna la questione dell’uranio impoverito e delle presunte conseguenze sui militari (e sui civili) italiani. Nei giorni scorsi si è scatenatoa una furiosa polemica tra la commissione parlamentare sull’uranio e lo Stato maggiore della Difesa, con interventi anche da parte di numerosi esponenti politici. Non siamo né medici né scienziati, ma alcune cose andrebbero chiarite: a un certo punto i Paesi nucleari scoprirono che tra i residui delle centrali si produceva questo materiale durissimo, non radioattivo. Si pensò di utilizzare questo materiale per costruire proiettili che avrebbero potuto bucare le corazze dei carri armati nemici, e così fu.

Tra l’altro, l’uranio impoverito è usato anche per la corazzatura esterna del carro…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi