La “pacifista” Cecilia Strada: “Non scopate con i fascisti, si riproducono”

E’ una pacifista, predica la cultura della tolleranza, l’accoglienza, l’integrazione, la solidarietà, il vivere civile dei popoli. Poi, nel nome del padre, pubblica un post che contribuisce a rasserenare gli animi (si fa per dire…) due giorni dopo gli scontri di piazza dei “compagni” che menano i poliziotti inermi nel nome dell’antifascismo: “Non scopate con i fascisti. Non fateli riprodurre”, riporta sulla sua bacheca di Fb Cecilia Strada, figlia del medico fondatore di Emergency: si tratta di una foto di una scritta impressa su un muro e immortalata da qualcuno. “Anche solo per non dar loro una gioia. Dalla rubrica ‘I consigli della domenica sera'”, commenta ironica la figlia del fondatore di Emergency, aggiungendo le proprie scuse perché – ammette – “non siete abituati a sentirmi parlare così, ma davanti alla verità nuda non sono riuscita a trattenermi”.

Un post che in poche ore ha raccolto decine di messaggi di apprezzamento ma anche qualche reazione indignata, subito rispedita al mittente dalla “pacifista”. “Verrete spazzati via“, attacca un utente. “Intanto io che sono antifascista ho dalla mia parte la Costituzione, tu invece che cos’hai, oltre agli slogan minacciosi? Eddai, su”, ribatte Strada.

Dopo i cori contro le vittime delle foibe, le botte ai carabinieri, gli slogan contro i morti di Nassyrja, da sinistra un’altra ella pagina di politica e di civiltà, complimenti alla signora Strada, divertentissima.