La Littizzetto si mette a fare la comunista, nuova bufera sulla Rai e Fazio (video)

Dopo le volgarità, le battute sui sedani, i rutti e tutto quanto non faccia ridere con la volgarità, nell’ultima puntata di “Che tempo che faLuciana Littizzetto s’è messa a fare l’economista comunista attaccando la proprietà provata, i proprietari che affittano i negozi a canoni secondo lei troppo alti per i negozianti. «Serve un tetto per i fitti», tuona davanti a Fazio la Littizzetto,in quello il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, su Facebook bolla come un delirio “pagato con i soldi dei contribuenti italiani”. «L’economista Luciana Littizzetto spiega ai cittadini – confortata dal collega professore Fabio Fazio – che i negozi chiudono perché i proprietari dei locali, malvagi, chiedono canoni di locazione “esorbitanti”. Pronta, però, la soluzione: “mettere una regola che stabilisca che c’è un tetto per gli affitti, così almeno i negozianti, poveretti, non chiudono”. Geniale, perché nessuno ci ha pensato ancora? Abbiamo una risorsa del Paese e non la sfruttiamo. P.S . Se capitasse di qui qualcuno che non lo sa, segnaliamo che il proprietario di un locale commerciale, di quegli affitti “esorbitanti”, che non può aumentare per 12 anni, riesce a mettere in tasca – quando gli va bene – il 20 o 30 per cento. Il resto se ne va per pagare 7 tributi (Imu, Tasi, Irpef, addizionale comunale Irpef, addizionale regionale Irpef, imposta di registro, imposta di bollo) e le spese per la manutenzione dell’immobile, senza parlare delle perdite conseguenti al mancato pagamento del canone e ai periodi di sfitto. Ma questo i due economisti hanno dimenticato di dirlo», scrive il leader di Confedilizia, che rappresenta tutti gli onesti proprietari italiani finiti nel mirino della comica.