La Boldrini: «Salvini non sa dirsi antifascista». E lui: «Non sai parlare d’altro»

lunedì 26 febbraio 11:01 - DI Adriana De Conto

Laura Boldrini ha il chiodo fisso: l’antifascismo. C’è chi incentra la campagna elettorale su temi come, lavoro, ripresa, tasse, famiglie, immigrazione, sicurezza. E c’è chi si fissa. Eccola la Boldrini, battere ancora sullo stesso tasto. «Non so se Salvini sia fascista, ma ha difficoltà a definirsi antifascista e questo è preoccupante». Questa è la preoccupazione primaria della ex presidente della Camera a Mattino Cinque, su Canale 5. Con il pensiero rivolto a Salvini, nemico giurato, afferma. «Io e lui siamo agli antipodi. Ha sollevato l’odio nei miei confronti, ma gli italiani – ha aggiunto – si sono ribellati giudicando questi metodi da squadrista, creando una piattaforma digitale a mio favore. Credo che se fossi stata un uomo tutto ciò non sarebbe accaduto».

La replica di Salvini

La replica non si è fatta attendere: «La gente che incontro non mi chiede antifascismo ma lavoro, meno tasse e più sicurezza», risponde il leader della Lega, Matteo Salvini, ospite di Unomattina: «Gli italiani – aggiunge – vogliono un Paese tranquillo che non è quello disegnato da chi fa casino in piazza». Salvini ribadisce che «il problema non sono gli immigrati ma i clandestini, voglio guidare un Paese dove la convivenza civile sia garantita e gli italiani vengano prima».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • merighifranco1@gmail.com 27 febbraio 2018

    Strano ma vero !
    Vanno a PRENDERE e portano qua’ tantissimi bei MASCHIONI di colore ma taaantiii
    e chi li accoglie a braccia aperte : un maschietto compaesano e tante “brutte” politicanti femmine .
    Davvero strano . . .

  • 26 febbraio 2018

    Boldrini fuori dalla politica e una che instiga problemi che non esistano in Italia, esempio il Fascismo!! Prenda lei i clandestini alla sua casa !!!!

  • Luisa Chiodini 26 febbraio 2018

    Come al solito questa “gnoccolona” della boldry, essendo priva del minimo intelletto e quindi di capire la necessità di parlare dei problemi concreti del Paese si accanisce contro Salvini (ovviamente quello giusto!) e si trincera dietro la solita parola fascista e antifascista.
    Poveretta: è il massimo che la sua mente può partorire. Speriamo solo che non partorisca altro!
    Basta ad avanza avere lei come calamità!

  • giulia.piacentini@virgilio.it 26 febbraio 2018

    Salvini ha ragione,abbiamo bisogno di tranquillità e stabilità.

  • merighifranco1@gmail.com 26 febbraio 2018

    La “signora” crede di essere una grande stratega distogliendo ” i suoi ” dagli errori-orrori
    che ha ripetutamente commesso . Tra una settimana vedra’ e vedremo se ha funzionato .
    Non posso aggiungere altro perche’ questa ” democratica ” ti puo’ denunciare .
    Le sue parole mi possono offendere e io merdaccia non posso replicare .
    Salvini fa’ il diplomatico affermando che il problema “non sono gli immigrati ma i clandestini ”
    Gli Italiani non vogliono ne’ gli uni ne’ gli altri ma non vale per tutti .
    Sono le azioni criminali “legate” al colore che li hanno resi inaccettabili .
    Tutto cio’ scatta nel cevello automaticamente non e’ razzismo . . . e’ logica involontaria

  • Rbalena@tiscali.it 26 febbraio 2018

    È colpa delle zecche che gli hanno invaso quella specie di cervello che ha.