«Il saluto romano non è reato se è commemorativo»: lo dice la Cassazione

martedì 20 febbraio 19:31 - DI Redazione

Emanuele Fiano e Laura Boldrini avranno sicuramente patito oggi un autentico travaso di bile apprendendo la notizia dell’ultima sentenza della Cassazione in materia di celebrazioni e ritualità politiche: il saluto romano «non è reato se ha intento non violento e commemorativo». Così ha sancito la Suprema Corte assolvendo due manifestanti, imputati nel 2014 per «concorso in manifestazione fascista», reato previsto all’articolo 5 della legge Scelba. I due avevano alzato il braccio destro durante una manifestazione organizzata all’epoca a Milano da esponenti di Fratelli d’Italia. Sulla decisione di merito, afferma la Cassazione, la legge non punisce «tutte le manifestazioni usuali del disciolto partito fascista, ma solo quelle che possono determinare il pericolo di ricostituzione di organizzazioni fasciste» e i gesti e le espressioni «idonei a provocare adesioni e consensi». Una decisione che farà discutere e produrrà una vera bufera politica, specie in relazione al dibattito (strumentale e meramente propagandistico) su fascismo e antifascismo in questo delicato momento della campagna elettorale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • chiarinil@racine.ra.it 21 febbraio 2018

    Un saluto romano ai due mostri della peggior politica italiana

  • fulco.carlo@libero.it 21 febbraio 2018

    Il saluto romano, che era appunto il saluto dei nostri antichi Romani, non può mai essere considerato reato. E’ come se noi volessimo condannare e cancellare la gloriosa storia millenaria di Roma, che fu (ed è ancora) espressione di civiltà per il mondo intero. Chi pensa il contrario o è uno sprovveduto o è in mala fede.

  • morreni.antero@gmail.com 21 febbraio 2018

    Romanamente saluto !

  • Giuseppe Forconi 21 febbraio 2018

    La legge e’ uguale per tutti…..il Fascismo fuori legge ? Anche l’anpi e’ fuori legge.
    L’anpi dovra’ anche pagare i danni fatti.

  • Giuseppe Forconi 21 febbraio 2018

    Cara Boldrini la sua famiglia ha bisogno della mano di una donna, perche’ non torna ai suoi doveri casalinghi e lasci la politica che non e’ il suo lavoro. Cosi’ facendo si eviterebbero molti danni. Lo dica anche a Fiano, ci sono tanti bei lavori da fare in Italia fuori della politica. Mi raccomando tenga sotto controllo il fegato ora che il saluto romano non e’ reato.

  • seraifini_ma@libero.it 20 febbraio 2018

    Che dire date Cesare quello che è di cesare!!!!!

  • carmelo.alemanno@libero.it 20 febbraio 2018

    fiano e boldrini: abolitevi voi per sempre dalla politica insieme a quello schifo di “pugno comunista”!!!!