Il presidente di Oxfam, il socialista Fuentes, arrestato in Guatemala

Nuova grana giudiziaria per l’ong Oxfam, l’organizzazione al centro di inchieste giudiziarie per scandali sessuali insieme ad altre ong. Il presidente della Oxfam international Juan Alberto Fuentes, guaemalteco, è stato arrestato nell’ambito di un procedimento per corruzione e malversazione insieme ad altri ex membri dello stesso governo, compreso l’allora presidente del Guatemala. Anche Alvaro Colom, ex presidente socialista del Paese centroamericano dal 2008 al 2012, è stato arrestato per corruzione. Stesso provvedimento per 3 membri dell’esecutivo degli stessi anni: il già citato Juan Alberto Fuentes, all’epoca ministro delle Finanze, Salvador Gandara, ministro dell’Interno, e Jeronimo Lancerio, ex responsabile di Sport e Cultura. La notizia è stata data dal prcuratore generale del Guatemala. Secondo le informazioni fornite dagli inquirenti, la corruzione sarebbe relativa al sistema di trasporto pubblico implementato durante l’amministrazione di Colom. Fuentes, in particolare, ricopre l’incarico di presidente di Oxfam International, l’Ong che dopo le rivelazioni su festini a luci rosse ad Haiti da parte di suoi operatori è finita sotto accusa per abusi sessuali denunciati da una ex dirigente, Helen Evans, che parla di una vera e propria “cultura di abusi sessuali”. Anche a Fuentes vengono contestati reati commessi tra il 2008 e il 2012. Fuentes fu nominato presidente di Oxfam International nel 2015. “Sono entusiasta dell’opportunità di contribuire a modellare i cambiamenti di Oxfam – dichiarò allora Fuentes – che oggi cerca di diventare una forza ancora più innovativa in tutto il mondo, specialmente nell’utilizzare le sue conoscenze con partner e alleati per avere un maggiore impatto sulle questioni di sviluppo globale. Questi cambiamenti permetteranno di raggiungere gli obiettivi fondamentali dell’organizzazione, che a tutt’oggi sono la riduzione della povertà e della disuguaglianza e l’aiuto alle persone affinché colgano le opportunità di vivere una vita migliore”.