Gli rapiscono la figlia e si fanno dare dal portavalori milioni di euro

Un sequestro di persona e un colpo milionario. Tre uomini armati, nella serata di venerdì, hanno preso d’assalto un portavalori francese a nord di Losanna e si sono fatti consegnare una cifra stimata fra 15 e 30 milioni di franchi, ovvero tra 13 e 26 milioni di euro. La rapina è andata in scena mentre a Lione la figlia del portavalori veniva tenuta in ostaggio. Scoperta alle 21.40 da agenti di polizia sul ciglio di una strada di Tramoyes, ad una ventina di chilometri da Lione, la ragazza, molto scioccata, ha raccontato di essere stata rapita verso le 18.30 nella sua abitazione a Lione da due uomini che hanno finto di essere idraulici, riferiscono fonti vicine agli inquirenti. La vittima ha dichiarato che i malviventi l’hanno tenuta sequestrata in una vettura mentre “persone che affermano di essere legate ai rapitori” hanno contattato telefonicamente il padre, per chiedergli un riscatto. In quel momento, l’uomo – che risiede vicino a Ginevra – si stava spostando con un furgone carico di soldi, indica la radio francese Europe 1, che ha rivelato l’accaduto. Stando ai primi elementi dell’indagine, il padre ha accettato di recarsi nel luogo indicatogli dai rapitori, un parcheggio dell’autostrada A1, situato a Chavornay, a nord di Losanna. Qui il trasportatore ha consegnato il denaro a tre uomini armati e col volto coperto. Secondo la polizia del cantone di Vaud, i malviventi sono fuggiti a bordo di un’auto. “Si tratta di un veicolo SUV 4×4 del tipo Porsche di color scuro”, indica il comunicato, precisando che i delinquenti non sono ancora stati catturati. Ancora scioccata, la figlia del portavalori è stata interrogata dagli inquirenti francesi. “Non c’è motivo di mettere in dubbio le sue dichiarazioni”, ha dichiarato una fonte giudiziaria, secondo cui si tratterebbe “di un atto di criminalità organizzata”.