Giorno del Ricordo, ecco quale sarà la programmazione della Rai

mercoledì 7 febbraio 20:12 - di Redazione

Anche quest’anno, in occasione del Giorno del Ricordo, la Rai ha messo a punto un ampio palinsesto in tv e alla radio, su Reti, Testate e Web per ricordare le vittime delle Foibe e il dramma dei tanti italiani, spogliati di tutti i loro averi, in fuga dall’Istria, Dalmazia e Friuli Venezia Giulia, sul finire della seconda guerra mondiale e nell’immediato dopoguerra. In particolare alla vigilia della ricorrenza, venerdì 9 febbraio alle 17, Rai2 trasmetterà in diretta dall’Aula di Palazzo Madama, a cura di Rai Parlamento, la cerimonia di commemorazione, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Uno spot istituzionale prodotto da Rai per il Giorno del Ricordo sarà proposto fino a sabato 10 su tutte le Reti.

La programmazione dedicata, che ha preso il via lunedì 5 febbraio su Rai3 con La Grande storia – Foibe nei luoghi della memoria, con il commento di Paolo Mieli, proseguirà giovedì 8 su Rai2, alle 11, con il programma I Fatti vostri che dedicherà uno spazio di approfondimento al ricordo della tragedia e delle persecuzioni perpetrate in quei drammatici giorni. In seconda serata Rai3 trasmetterà, alle 23.05, il documentario L’ultima spiaggia. Mola fra la Strage di Vergarolla e l’Esodo di Alessandro Quadretti. Il regista ricostruisce e racconta, insieme con Domenico Guzzo, storico esperto di terrorismo e co-sceneggiatore, una tragedia rimasta per decenni ai margini della memoria collettiva italiana.

La giornata di venerdì si aprirà su Rai1 con lo spazio di approfondimento di Unomattina, mentre il Tg1 trasmetterà servizi nelle varie edizioni. In diretta dal Senato Rainews effettuerà, a partire dalle 17, collegamenti per seguire la cerimonia del Giorno del Ricordo. Alle 23.50 verrà proposta una puntata speciale della rubrica del Tg2 Punto di vista. Rai3 trasmetterà alle 13.15 Passato e Presente – Il dramma Giuliano-Dalmata. Dalle Foibe all’esodo, con il commento del prof. Raoul Pupo.

Nella giornata di sabato 10 Rainews seguirà in diretta la cerimonia alla Foiba di Basovizza (Trieste), luogo riconosciuto come monumento nazionale, con collegamenti dal campo profughi di Padriciano che per oltre vent’anni accolse gli esuli istriani, fiumani e dalmati, cacciati dalle proprie case. Saranno trasmessi anche servizi e approfondimenti, fra cui la testimonianza di Erminia Bernobi, cugina e oggi unica parente in vita di Norma Cossetto. A questa si unirà anche la testimonianza di Giacomo Crosilla (il padre fu gettato in foiba e sua sorella è morta nella strage di Vergarolla) che ha ricevuto la medaglia d’onore del Presidente della Repubblica. Tanti i servizi di Rainews con dettagliate ricostruzioni storiche degli eventi. Rai2 proporrà un approfondimento nel programma Sulla Via di Damasco, dalle 7.45. Servizi e testimonianze in tutte le edizioni dei tg Rai.

Rai Premium trasmetterà poi alle 21.20 una delle fiction Rai di maggior successo e impatto emotivo, Il cuore nel pozzo , per la regia di Alberto Negrin, con Leo Gullotta, Beppe Fiorello, Anna Liskova, trasmessa per la prima volta nel 2005.  Ricca la programmazione di Rai Storia: alle ore 8.50 (replica alle
14:00, 20:30, 00:30) andrà in onda Passato e Presente – Il dramma Giuliano-Dalmata.  Il giorno e la Storia verrà trasmesso alle ore 00.10 (replica alle 5:30, 8:30, 11:30, 14:00, 20:10). Alle 16 Rai Storia proporrà Mille Papaveri Rossi-TG2 Dossier, Orrore dimenticato e alle 21:10 il documentario L’ultima spiaggia. Pola fra la Strage di Vergarolla e l’Esodo. Infine alle 22.10 sarà trasmesso il docufilm Trieste, la contesa. Rai Scuola proporrà alle 18.30 lo speciale Le foibe: il dolore e l’esilio.

Oltre ai diversi programmi sulle sue reti, Rai Cultura commemora il Giorno del Ricordo con uno Speciale Web sul portale di Rai Storia: online i commenti di vari storici, da Giovanni Sabbatici (che si concentra sull’ istituzione del Giorno del Ricordo) a Raoul Pupo ed Ernesto Galli della Loggia. Radio Rai seguirà la ricorrenza del Giorno del Ricordo con servizi nelle maggiori edizioni dei Giornali Radio: dall’appuntamento istituzionale del venerdì al Senato della Repubblica fino alle iniziative organizzate per la giornata di sabato 10 febbraio. Gli account social promuoveranno tutta la programmazione.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • enrico bonaiti 10 febbraio 2018

    il commovente film “La città dolente” è reperibile su you tube

  • Loredana Bellussi Clari 10 febbraio 2018

    Perchè la germania si è ripresa il suo territorio e noi no? Perchè sulla tomba dei mie nonni i cognomi sono stati storpiati in croato? perchè sulla loro terra c’è un villaggio turistico e a me erede non è stato lasciato nulla? Perchè estranei devono ricordare se poi il ricordo non serve al genocidio dei palestinesi e al furto delle loro terre? Solo chi ha vissuto sulla sua pelle come me che è senza radici ricorda sempre ogni giorno. Gli altri vivano in pace la loro vita e tengano chiusa la bocca perchè della mia tragedia non han diritto di parlare

  • Giuseppe Forconi 8 febbraio 2018

    Perche’ tutte queste cose si rievocano sempre alla vigilia delle elezioni, buone o cattive che siano state?

    • Gianfranco Accio 8 febbraio 2018

      PINO, ma che domanda è? il giorno del ricordo è sempre il 10 febbraio di ogni anno. Non mi risulta che ogni anno in febbraio ci siano le elezioni. Giusto?

  • Romano88 7 febbraio 2018

    Ritirassero fuori il film di stato “A CITTA DOLENTE” 1948 di Bonnard commissionato dall’allora governo provvisorio e poi tolto dalla circolazione.
    E una volt per tutte lo dicessero gli Italiani che a Osimo è stato deciso che per i rimborsi agli esuli fu deciso che il debito con venne commutato i danni di Guerra azzerati e l’Italia pagava i danni agli euli.
    Campa cavallo!