Giorgia Meloni su Fb: “Ecco le foto di Torino che non vi faranno mai vedere”

venerdì 23 febbraio 19:08 - DI Redazione

”Ho una domanda per Amnesty International che pubblica il barometro d’odio e attacca Fratelli d’Italia di ogni nefandezza: quando pubblicherà il barometro d’odio sulla violenza politica di antagonisti, centri sociali ed estremisti di sinistra?” Lo ha scritto su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier Giorgia Meloni, che poi è tornata sull’argomento su Facebook: “Ecco le foto che non vi faranno mai vedere della manifestazione di ieri a Torino dei centri sociali e degli antagonisti: le chiamano bombe ripiene perché contengono al loro interno bulloni e schegge di metallo e quando esplodono diventano proiettili mortali. Piena solidarietà e vicinanza di Fratelli d’Italia al poliziotto ferito da uno di questi ordigni micidiali e ora ricoverato in ospedale”. Lo posta Giorgia Meloni su Facebook allegando le foto delle ferito del poliziotto colpito durante il corteo antifascista a Torino. “La pazienza è finita. Al governo Fratelli d’Italia – aggiunge Meloni – avrà tolleranza zero contro questi delinquenti e farà una legge anti blac block: arresto obbligatorio in flagranza nei confronti di chi partecipa a manifestazioni con il volto coperto e chiusura dei centri sociali che si sono resi responsabili di violenze e devastazioni”. Anche Forza italia c0mmenta: “La sinistra ha cavalcato questa invenzione dell’antifascismo, e poi i veri fascisti sono quelli dei centri sociali. Sono i fascisti di oggi, e vanno assolutamente combattuti. Non bisogna lasciare l’antifascismo, che è cosa nobile, in mano a questi delinquenti dei centro sociali: li conosciamo tutti”. Così il capogruppo di Fi, Renato Brunetta sugli scontri di ieri sera a Torino, nel corso di un incontro elettorale a Padova.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antoniocoradello@yahoo.it 25 febbraio 2018

    Questi sono c-o-m-u-n-i-s-t-i, vogliamo chiamarli con il loro nome, o no? Il comunismo è stato il più grande crimine nella storia dell’umanità che ha assassinato oltre 100 milioni di persone, in tempo di pace e appartenenti ai popoli che tiranneggiava. Ha fatto cioè il doppio dei morti che hanno fatto la 1° e la 2° guerra mondiale messe assieme, secondo i dati provenienti dagli stessi archivi sovietici.
    Vogliamo iniziare a ricordarlo a piena voce, ad ogni piè sospinto, al cattocomunista Renzi, al comunista Grasso, alla comunista Boldrini, al sindacato comunista CGIL, ai cattocomunisti delle ACLI, ai partigiani comunisti dell’ANPI… Vogliamo ricordare che i partigiani comunisti italiani DOPO il 25 aprile del 1945, cioè DOPO la fine della guerra, hanno assassinato oltre 50.000 persone in Italia, secondo i dati dell’Archivio Storico dell’Arma dei Carabinieri??? Vogliamo ricordare che i partigiani comunisti italiani, assieme a Togliatti e compagni, volevano consegnarci a Stalin, il più feroce criminale della storia, secondo solo a Mao Tze Dong, che ha decimato il suo popolo, sterminando 60 milioni di cinesi su 600 milioni di abitanti che aveva all’epoca la Cina? Vogliamo svegliarci e dire come stanno realmente le cose???

  • sandrocarapelli@alice.it 25 febbraio 2018

    Quelli dei centri sociali dovrebbero lavorare e non andare dove li porta il vento a creare disordini e a sfasciare tutto in nome del comunismo,forse perchè non hanno vissuto nei paesi comunisti e non sanno che cosa vuol dire questa parola,bisogna fare una proposta parlamentare che metta fuorilegge anche il comunismo,perche quando si sente la parola (sinistra) viene il voltastomaco!

  • PIEROMAGIA@GMAIL.COM 25 febbraio 2018

    Gentaglia da pattumiera!
    Per loro poveri inetti e falliti è il solo momento di gloria quando possono fare casino delinquenziale .
    Chiudete i centri ASOCIALI!

  • carmelo.alemanno@libero.it 24 febbraio 2018

    di questi “vermi sociali” cosa ne pensa la boldrini insieme ai suoi compagni sinistroidi? dove è il rispetto per le forze dell’ ordine? parlano tanto di diritti umani e i doveri dell’ educazione e del senso civico dove sono? o è colpa della destra se si sono calpestati? galera e manganellate serie per questi bastardi violenti!!

  • Giuseppe Forconi 24 febbraio 2018

    E giusto che nella Italia democratica ci sia una destra e una sinistra, altrimenti non sarebbe un buon governo ma questa sinistra non e’ degna di qualificarsi democratica, stanno rasentando l’estremismo piu’ estremo e con l’odio, colpevoli di vivere nell’ignoranza piu’ profonda.

  • Giuseppe Forconi 24 febbraio 2018

    A partire dal 5 Marzo la magistratura dovra’ lavorare sodo, sempre sperando che non sia schierata, mi auguro che per una volta siano imparziali e corretti attenti ai fatti che stanno occorrendo in questo periodo.

    • tseba953@yahoo.it 25 febbraio 2018

      Sei un illuso… sai cos’è Magistratura Democratica? Un covo di comunisti. Sai quanti magistrati ne fanno parte? Il 90%. Sai cosa fanno? Combattono gli avversari politici con ogni mezzo e difendono i criminali di ogni specie, soprattutto i criminali e terroristi politici come i sundacati e i centri sociali… questo fanno e questo faranno sempre, aspetta e vedrai quello che succede dal 5 marzo e poi ne riparliamo.

  • 24 febbraio 2018

    Finally a true leader to stop all these violent acts against innocent police officers and normal people. They should be placed in prison for a minimum of 10 years to 20 years…release them when they are old people….

  • fulco.carlo@libero.it 23 febbraio 2018

    Contrariamente a quanto sostenuto da Brunetta, l’antifascismo non è cosa nobile. Lo dimostano gli eccidi compiuti dai partigiani dopo la guerra civile, quelli delle foibe perpetrati dai comunisti titini con l’avallo del PCI, le orrende esecuzioni delle brigate rosse (che si ispiravano ai gappisti comunisti dell’anzidetta guerra civile) fino ad arrivare alle violenze dei centri c.d. sociali di questi giorni.

    • andrewdilaz@alice.it 23 febbraio 2018

      Concordo