Gigi Riva “aiuta” un immigrato. Lui lo ringrazia, lo abbraccia e lo deruba

martedì 13 febbraio 12:46 - di Redazione

Brutta avventura per il mitico Rombo di tuono. Quando la generosità si trasforma in beffa. Gigi Riva, storico ex bomber del Cagliari e della Nazionale azzurra, sarebbe stato derubato del telefonino dopo aver dato l’elemosina ad un mendicante extracomunitario. Il fatto è avvenuto qualche giorno fa, ma la notizia si è diffusa successivamente su Facebook. Pino Serra, ex dirigente del Cagliari Calcio e amico storico di Riva, ha raccontato l’episodio sul social network, lanciando un appello perché il cellulare venga restituito.

Gigi Riva, generoso e sfortunato

«Gigi è disposto a offrire al povero diavolo una mancia purché torni in possesso del cellulare che non ha un gran valore economico se non i numeri telefonici contenuti in rubrica – scrive Serra – Vi chiedo cortesemente di collaborare per cercare di rintracciare questo ..miserabile. Grazie a tutti». Il mendicante aveva abbracciato Gigi Riva per ringraziarlo di quel denaro che gli aveva offerto poco prima, perché – come aveva spiegato – non mangiava da due giorni. Ma poi, il gesto miserabile rovina tutto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antocaness@yahoo.it 17 febbraio 2018

    Ha ragione l’immigrato

  • lenzidani@gmail.com 15 febbraio 2018

    Tolleranza zero! Altro che elemosina! Aspetto il 4 marzo per le pulizie di primavera…..avanti Fratelli d’Italia …PRIMA, SEMPRE E SOLO GLI ITALIANI!!!!!

  • scassament26@gmail.com 15 febbraio 2018

    Suvvia… aveva fame! L’avrà mangiato il telefonino, no?

  • fdesalvo@aconet.it 14 febbraio 2018

    mal comune! tempo addietro avevo comprato roba in un supermercato ed ero sceso al piano parcheggi. Si era avvicinata una rom che conoscevo perché l’avevo vista altre volte alla porta della chiesa lasciandole sempre qualcosa. Mi aveva chiesto di riportare il carrello al posto per prendersi l’euro.
    , e per contraccambiare mi aveva “aiutato” a scaricare acquisti nel portabagagli.
    Arrivato a casa ho visto che un contenitore da 6 bottiglie di acqua minerale era strappato e ne erano rimaste 5.
    Sono fatti così per natura (non si può dire razza). Ed oltre a tutto anche poco furba (eufemismo) perché altre volte l’ho vista alla porta della chiesa e le ho detto “gira alla larga” e ci ha rimesso molto più della bottiglia di acqua.

  • Mcoluccia@ymail.com 14 febbraio 2018

    A Gigi, daje ‘n carcio a quer coso, penza che e’ ‘n pallone!

  • morimario22@gmail.com 14 febbraio 2018

    E sempre o quasi finisce in questo modo.vai a fare del bene. ..certo che è stato troppo plateale il grande RIVA
    POTEVA EVITARE DI ABRACCIARLO..sarebbe bastata una semplice stretta di mano

    • giuseppe-deantoni@alice.it 14 febbraio 2018

      Allora è il caso di dire: ” chi è causa del proprio mal, pianga se stesso “.

  • enzo_altieri@libero.it 14 febbraio 2018

    questi migranti sono la fotocopia di chi ci ha governato fino ad oggi che è quel ladro del P.D. (partito democristiano). e di tutta la sinistra estremista che fanno l’amore con i profughi clandestini, POVERA NOSTRA ITALIA CHE FINE HA FATTO. ma chi l’ha detto che il popolo ITALIANO e disposto a farsi meticciare da questi negri bastardi e, perché questo governo di trans/gay/ladri/matrimoni bisex/ uomo/uomo e donna/donna- ci sta imponendo il suo volere e con quale diritto ci stanno facendo occupare il nostro territorio da questi barbari negracci. Essendo questo/i governo abusivo non votato dagli ITALIANI NEL 2013 che grazie a quel finto comunista dell’ex presidente li ha messi lì a governare in barba al voto contrario del popolo ITALIANO.

    • marimanzo@gmx.net 14 febbraio 2018

      Vergognati Eddie…sei un grandissimo razzista. Io non sono d’accordo di come vanno le
      cose in Italia, ma gli italiani sono tutti come te, preferisco rimanere all’estero.

      • giubra63@yahoo.it 15 febbraio 2018

        Italia agli italiani. Prima gli italiani. e chi la pensa diversamente é un razzista anti italiano

  • ma.domenic@alice.it 14 febbraio 2018

    prima regola: tenere sempre la distanza!!!!! è il primo segreto di tutte le arti marziali. Poteva darla ugualmente la mancia ma…..stai distante da me!!!!!!

    • lorenzaceccaroni@libero.it 14 febbraio 2018

      Poteva anche non dargliela, la mancia, visto che se si trova qui vuol dire che noi sborsiamo 500 euro al mese per il suo vitto e alloggio , più telefonino, bicicletta e argent de poche di 75€ al mese.

    • alerus@inwind.it 15 febbraio 2018

      Statene pure all’estero. Ancor meglio in qualche paese africano, patria dei festini tribali di carne umana, perché ancora quello fanno. Usanze e tradizioni, in cui nessuno ne parla !!!. Ma qualcuno, o qualcuna, non ricordo chi’, ha detto: che dobbiamo apprendere dai valori della loro cultura e razza; è che sono un bene aggiunto, per il popolo Italiano !!!!. Qui ci vuole un’espressione tipica romanesca: Me coi@ni !!!

  • Chiaragirotti1@gmail.com 13 febbraio 2018

    “È disposto a offrire al povero diavolo”? Ma ancora lo difende? Vada a cercarlo con la scopa e glie la spezzi sulla schiena…. E fermiamoci qui che è meglio…

  • Tittolo89@gmail.com 13 febbraio 2018

    Bene così iniziate pure voi illustri ricchi a vivere la quotidianità di noi poveracci che ci dobbiamo subire ogni giorno questi soppruso clandestini!

  • aprilia48@yahoo.it 13 febbraio 2018

    Con questi animali il buonismo non paga.

    • Mcoluccia@ymail.com 14 febbraio 2018

      Gli animali non ti fregano in questo modo.

  • tino_c@libero.it 13 febbraio 2018

    Se preso il solito giudice lo giudica non persegiibile perché in stato di bisogno e condannera il Riva alle spese di processo per ostentata disponibilità di denaro e beni mobili di valore.

  • seraifini_ma@libero.it 13 febbraio 2018

    La generosità è un dono !!!!!!!!!
    La coglionaggine è una qualità personale!!!!!!!
    La cecità è un dato di fatto!!!!!!!!!!!

  • Massimiliano Di Felice 13 febbraio 2018

    Mettetevelo in testa, buonisti! La compassione e l’aiuto si danno a chi se li merita, non a cani e porci. E specialmente non a chi ci odia e ci disprezza.