Gasparri: «Stiamo col carabiniere di Piacenza e il gioielliere di Napoli»

«Al governo porteremo più sicurezza e soprattutto più Stato». Parte dalla cronaca degli ultimi giorni Maurizio Gasparri per ribadire che all’Italia serve un governo di centrodestra. Da Macerata a Piacenza, passando per Napoli, il senatore di Forza Italia trae il triste bilancio di un Paese in cui le istituzioni sembrano aver del tutto abbandonato forze dell’ordine e cittadini, impegnati ormai in una quotidiana lotta contro l’illegalità e la violenza.

«Mai più fatti come quelli di Piacenza o di Napoli»

«Il centrodestra deve tornare al governo perché fatti come quelli di Piacenza non accadano più, perché ci sia rispetto verso le forze dell’ordine e non più elogi di facciata ma mortificazioni nella sostanza con ridicoli aumenti di stipendio», ha detto Gasparri, ribadendo che «noi siamo dalla parte del carabiniere ferito mentre era impegnato a tutelare la nostra sicurezza, siamo dalla parte del gioielliere napoletano e dei tanti cittadini che si sono visti costretti a usare un’arma per difendersi. Siamo dalla parte di Pamela e di tutte le donne abusate e vittime del degrado delle nostre città, prese d’assalto da immigrati clandestini che vivono nell’illegalità».

L’impegno del centrodestra per la sicurezza

«Al governo porteremo più sicurezza e soprattutto più Stato. Perché la risposta al bisogno di sicurezza non può essere quella di uno squilibrato come Traini, non può essere la giustizia fai da te. Ma deve essere – ha sottolineato ancora il vicepresidente del Senato – quella di uno Stato forte e presente che garantisca tolleranza zero verso tutti i violenti criminali, processi immediati e rapidi, pene esemplari».