Gasparri ricorda Quilici e Matteoli: «Due “grandi” che hanno dato lustro all’Italia» (video)

martedì 27 febbraio 12:21 - DI Milena De Sanctis

Maurizio Gasparri in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook ricorda Folco Quilici e Altero Matteoli: «Due grandi amici che hanno reso onore all’Italia, all’ambiente e alla conoscenza. Pensiamo a loro con grande stima e col rimpianto di non averli più fra noi». Nel video Gasparri mostra un libro dedicato alle Isole Egadi «curato anni fa da Folco Quilici, che ci ha lasciato in questi giorni. Un grande intellettuale, un documentarista, un viaggiatore che ci ha raccontato il mondo, che ha viaggiato e percorso in lungo e in largo. Folco Quilici  è stato un protagonista  della vita della Rai e della vita italiana. Ricordiamo le sue immagini, i suoi racconti, la sua pacatezza e la sua grande conoscenza. Io ricordo con emozione anche il film Ti-Koyo e il suo pescecane che vidi da bambino e ci rappresentò allora mondi per noi sconosciuti». Gasparri mostra poi alcuni volumi  «bellissimi che egli curò per il ministero dell’Ambiente, quando era retto da Altero Matteoli, anche lui ci ha lasciato a dicembre, a causa di un tragico incidente. Libri che raccontano le meraviglie dell’Italia, le aree protette delle riserve terrestri e marittime. Folco Quilici  ci ha raccontato molto di più… voglio, quindi, ricordarlo e ricordare la sua amicizia. E con lui ricordo Altero Matteoli: due grandi amici».

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • an.marconcini@gmail.it 27 febbraio 2018

    Parole sante quelle del vice presidente del Senato.Io ho scoperto Folco Quilici all’inizio del documentario televisivo Geo nel lontano 1984.Di li a poco avrebbero fatto la loro comparsa sulla scena politica italiana un bel gruppetto di baldi giovani come il senatore Gasparri , l ‘onorevole Casini,l’onorevole D’Alema e così di seguito che non ci hanno mai abbandonati e hanno trovato dimora stabile nei palazzi del potere e qualcuno di loro ha persino cambiato partito pur di non rischiare di perdere lo scranno.Mi chiedo in particolare modo cosa c’ entri il signor Gasparri con Forza Italia che rappresenta il centro moderato formato da liberali, cattolici e socialisti craxiani che non hanno nulla a che spartire con le altre sinistre.Perché non è tornato a casa sua come ad esempio ha fatto l’onorevole Santanchè ? E poi un’altra semplice domanda , ma che cosa hanno combinato questi vegliardi della politica nelle decine di legislature che si sono susseguite dagli anni ottanta ad oggi ? Ma è mai possibile che solo nel nostro Bel Paese i politici di professione entrino a venticinque anni e si tolgano dalle scatole il giorno prima di salire al Cielo,perchè allora non riservare anche a Lorsignori lo stesso onore riservato ai Vescovi e a persone di riguardo che vengono inumate nelle cattedrali e nelle basiliche ?SI seppelliamoli in Senato così staranno saecula saeculrum nella loro vera casa del Padre.