Gasparri contro Boldrini: “Tace sulle foibe”. Lei lo insulta: “Barbaro, mi odia”

martedì 27 febbraio 18:54 - DI Redazione

Il botta e risposta si è consumato, stavolta, sui social, ma è stato innescato da una dichiarazione, quasi ovvia, purtroppo, di Maurizio Gasparri in tv: l’accusa, rivolta a Laura Boldrini, di non indignarsi mai per chi offende le vittime delle foibe, come accaduto, spesso, nelle ultime settimane, durante le manifestazioni antifasciste messe in scena dalla sinistra estrema. “La Boldrini sta zitta quando si inneggia alle foibe, di fronte alle forze di polizia”. Lei, però, ha fatto l’offesa, parlando di Gasparri come di un suo “hater”, un odiatore da social, e smentendo i suoi opportunistici silenzi su questioni politiche che non appartengono alla sua parte ideologica.

La Boldrini ha usato, su Twitter, parole pesanti: “Gasparri è la rappresentazione plastica dell’imbarbarimento del dibattito pubblico, del degrado di una certa parte della politica. Ma vi rendete conto che livello di squallore? #GasparriPinocchio”.

La controreplica di Gasparri è stata altrettanto energica: “Rispedisco al mittente le affermazioni offensive della Presidente uscente della Camera, Boldrini. Le documenterò tutte le volte in cui ha taciuto di fronte ad aggressioni ai componenti delle forze di polizia o di fronte al dileggio delle vittime delle Foibe. Che la Presidente Boldrini in qualche occasione abbia parlato è vero ed assolutamente doveroso da parte sua. Che in troppe abbia taciuto è un’amara verità che mortifica le istituzioni che ha, per un periodo della sua vita, guidato”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • merighifranco1@gmail.com 1 marzo 2018

    Si’ condivido ” posseduta” dal diavolo che le ha tolto il cervello lasciandole la bocca . . . bla-bla-bla .
    Adesso si e’ stufato e l’ha resa muta . . . ma durera’ per poco tempo perche’ li’ dentro si e’ talmente
    indebolito e stressato che non ha piu’ ne’ prestigio ne’ voce in capitolo .

  • 1 marzo 2018

    Boldrini, simply stated get out of our faces, you are an instigator of hate, and confusion, you and several other politicians have destroyed Italy..you don’t give a damn about the people, the people!!! You don’t give a damn about our Italian beautiful history!!! You are a fixated twit!!

  • salvatore.pidatella@hotmail.it 28 febbraio 2018

    La Boldrini la si cita senza mettere ‘Sig.ra’ davanti. Commentare, poi, le sue paranoie è come voler sottoporre ad analisi una iena infoiata.

  • merighifranco1@gmail.com 28 febbraio 2018

    Sempre piu’ convinto di fare del bene votando a destra e quindi dovrei essere contento ma non e’ sufficiente .
    Ho dentro una premonizione : che questa qua’ venga spedita in europa tra i suoi simili e ce ne sono
    tanti solo per fare i soliti odiosi disastri ( sua professione ) dall’esterno in barba agli Italiani .
    E’ un caso difficilmente risolvibile dato che piu’ si criticano le sue malefatte piu’ si intestardisce
    e impegna facendone di nuove e di peggio . E’ un politico tra i piu’ pericolosi di questi ultimi anni .

  • giorgio.precetti@alice.it 28 febbraio 2018

    Ho l’impressione che sia posseduta…..

  • chiarinil@racine.ra.it 28 febbraio 2018

    Spero sia l’ultima settimana che si parli di questa donnaccia

  • valerie.solanas@libero.it 28 febbraio 2018

    Sì ci rendiamo conto del tuo squallore, tu non appartieni nemmeno al dibattito pubblico, i tuoi scagnozzi non dibattono, sono in piazza a spaccare vetrine e a mandare all’ospedale gente onesta verso cui non possono provare che rabbia nietzschiana, frustrazione e odio.

  • Giuseppe Forconi 28 febbraio 2018

    Altro che zitta, e’ totalmente fuori luogo, come puo’ essere atterrata alla camera, qualche svista? o qualche furbata sinistrozza ?

  • marcelloparsi@alice.it 28 febbraio 2018

    E non possiamo neppure invitarla a fare la calzetta, perché da buona vetero-femminista lascia agli uomini questo, che un tempo veniva definito “lavoro donnesco”. Comunque, io ci provo lo stesso: “Ma va a fa’ la calzetta!”

  • Giuseppe Tolu 27 febbraio 2018

    Bene che stia zitta, per carità