Foibe, lettera a Mattarella: «Non hai ricevuto i parenti delle vittime»

«Il Quirinale è ancora la “casa di tutti gli italiani”?».  A formulare la domanda a Sergio Mattarella è l’ambasciatore a riposo Gianfranco Giorgolo che  in una lettera al Tempo scrive: «Nel Giorno del Ricordo delle vittime italiane delle foibe e dell’esodo forzato (10 febbraio), le porte del Quirinale – aperte in precedenza dai presidenti Ciampi e Napolitano – sono rimaste chiuse per il quarto anno consecutivo ai parenti  dei nostri connazionali uccisi dai partigiani slavi con la connivenza del partito comunista italiano. Resta da sperare che si riaprano con il prossimo Capo dello Stato».

L’ambasciatore: sulle foibe troppe dimenticanze

Ma non è tutto. «Vi è stato – si legge nella lettera – invece un comunicato del Quirinale in cui il presidente Mattarella ha opportunamente  affermato essere state le foibe e l’esodo “una tragedia provocata da una pianificata volontà di epurazione su base etnica e nazionalista … di una violenza ingiustificata e inqualificabile”. Ma – si scrive ancora l’ambasciatore – accomunare poi le azioni degli eserciti italiani e tedeschi “in una durissima occupazione nazi-fascista” sembra voler attribuire all’Italia crimini commessi dalla Germania e ancor più dalle orde partigiane di Tito nei confronti di serbbi, croati, sloveni e bosniaci anticomunisti, come ampiamente documentato ma ripetutamente ignorato o finanche negato da molte istanze nostrane».